Cerchio più bello. Apre la mostra permanente della memoria storica



Cerchio – Fotografie emozionanti che raccontano un tempo che fu e che si affacciano sulla terrazza panoramica dalla quale, orgogliosa e placida, fa capolino la piana del Fucino e quelle immaginarie acque rubate al suo lago.

Una mostra permanente a cielo aperto per raccontare i nostri luoghi, la nostra storia, quel passaggio dalla Pesca all’Agricoltura che piegò ma non spezzò la popolazione circumlacuale, ma la temprò e la rese ancora più forte. Un monumento dedicato ai militi eroi che combatterono la Grande Guerra del ‘15/’18 incorniciato da colline floride e verdeggianti simbolo di speranza, una piazza che da domenica porterà il nome di Antonio Tarola, un cittadino che si è speso per il paese, una scultura dedicata alle aquile, agli orsi, al cane pastore abruzzese realizzata dallo scultore Giancarlo Sociali e, per finire, un cannocchiale da cui scrutare l’orizzonte e un totem che racconta il passato dei nostri avi.

Tutto ciò è il borgo di Cerchio all’indomani dell’inaugurazione di un nuovo percorso culturale, che va ad aggiungersi al Museo Civico che si affaccia sul meraviglioso chiostro dell’ex convento degli Agostiniani.

«Cerchio più bello», dichiara in una nota il Sindaco Gianfranco Tedeschi, che ha voluto regalare alla Marsica un luogo della memoria in cui conservare la storia che fece grandi i nostri avi, dai pescatori marsicani al prosciugamento del Lago di Fucino, dal terremoto del 1915 alle scene di vita contadine caratterizzanti il nostro territorio. Un percorso in cantiere da alcuni anni che vedrà un seguito ancor più interessante, perché grandi sono le idee e la voglia di trasformare il borgo in un luogo di grande richiamo turistico.

Alla cerimonia di presentazione erano eccezionalmente presenti tutte le autorità del territorio, il consigliere regionale Simone Angelosante in rappresentanza della Regione Abruzzo, il Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso, i rappresentanti delle amministrazioni comunali del territorio, il Presidente del Parco Regionale Sirente Velino Francesco D’Amore, il Direttore Generale UPI, la Pro Loco, l’Avis e il Circolo Bocciofilo di Cerchio, le Guardie Parco e Ambientali, l’Associazione Alpini, la Protezione Civile, la Rappresentanza IX Reg. Alpini dell’Aquila e le Forze Armate.

La cerimonia è stata introdotta dalla giornalista Alina Di Mattia

Comunicato Stampa Comune di Cerchio