Celano, sopralluogo del settore rifiuti della Regione all’ex discarica sequestrata



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano – Sopralluogo del dirigente del servizio gestione rifiuti e bonifiche della Regione, Franco Gerardini, sull’area sequestrata a Celano, dove un tempo giaceva la discarica di San Marcello. Questa mattina il maggiore dell’Arma dei carabinieri, Antonio Spoletini, a capo del Noe (Nucleo operativo ecologico) arrivato da Pescara, insieme al geologo Giuseppe Pomposo, dell’azienda spin-off, la Res.Gea., di cui fa parte l’Università d’Annunzio di Chieti, hanno illustrato il punto della situazione a Gerardini.

Al sopralluogo hanno partecipato anche il sindaco di Celano, Settimio Santilli e il capo dell’ufficio tecnico comunale, Federico D’Aulerio. Carabinieri e tecnici della società che, con un lavoro innovativo e tecnologicamente e scientificamente molto avanzato, ha accertato con le immagini acquisite dalle piattaforme aeree e satellitari, che a partire dagli anni ’50 a oggi, in quell’area sono stati gettati rifiuti che negli anni si sono accumulati e hanno creato inquinamento, hanno illustrato al dirigente regionale, quanto fatto fino a oggi. Gli inquirenti parlano di «mezzo milione di metri cubi di materiali di dubbia provenienza interrati nell’arco di 70 anni». L’inchiesta, in cui sono ipotizzati reati ambientali, è stata aperta dalla Procura di Avezzano ed è coordinata dal pm Maurizio Maria Cerrato. Un terzo della superficie sequestrata ricade all’interno dell’ex discarica, i due terzi sono terreni che si trovano intorno. Sono circa una dozzina i privati proprietari dei terreni limitrofi, la restante parte delle aree (compresi gli ettari dell’ex discarica) è di proprietà del Comune.

Al momento gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi. Intanto le indagini vanno avanti anche sul fronte delle immagini, in cui si vedono tir e camion scaricare nell’ex discarica. I militari mantengono il massimo riserbo sull’inchiesta e pertanto non si sa ancora se ci sono o meno delle persone iscritte nel registro degli indagati. Qualora venissero individuate società o persone responsabili di reati ambientali non si esclude nemmeno che l’inchiesta possa passare alla procura aquilana.




Lascia un commento