Cedevano cocaina e crack, tra i veicoli di Capistrello, ad oltre 200 acquirenti: 5 persone finiscono davanti al Gup

Capistrello – Cinque persone dovranno comparire, questa mattina, davanti al Gup del tribunale di Avezzano, Maria Proia, per rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Si tratta di due uomini di nazionalità marocchina e di tre italiani, tra cui due donne. Secondo l’accusa, avrebbero ceduto crack e cocaina.

Nel febbraio 2021, tre degli odierni indagati furono raggiunti da misure cautelari. Nel corso dell’indagine, avviata nel 2020, furono denunciate altre tre persone per spaccio mentre 14 persone furono segnalate alla competente autorità prefettizia quali assuntori, sebbene gli investigatori avessero riscontrato dall’attività di indagine la frequenza di più di 200 acquirenti di sostanza stupefacente.

Attraverso un’attività di osservazione e controllo, articolatasi anche in perquisizioni a carico dei giovani del posto, gli inquirenti indirizzarono le indagini su un unico obiettivo, ovvero un’abitazione del centro storico occupata da due degli indagati, divenuta “base operativa” e punto di riferimento dei giovani della zona per il rifornimento di sostanza stupefacente.

Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Mario Del Pretaro, Luca Motta, Moreno Persia e Pasquale Milo.

Leggi anche