La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Cerca
Close this search box.
Home » Cappadocia » Cappadocia dice addio a Massotti, il ristoratore gentile del “Tullio” di Roma

Cappadocia dice addio a Massotti, il ristoratore gentile del “Tullio” di Roma

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
|
|

Cappadocia. E’ morto dopo una lunga malattia, a 68 anni, il ristoratore Giovanni Massotti, originario di Cappadocia, molto conosciuto a Roma. Massotti era molto legato a Cappadocia, dove tornava sempre e dove tutti gli volevano bene.

I funerali si svolgeranno oggi a Roma, nella chiesa del Santissimo Sacramento, in largo Agosta 10, alle 11.

“Condoglianze alla moglie Elvira, ai figli Pietro Emiliano e Francesco,alla sorella Maria”, il commento dell’amica Lucilla Lilli, ex sindaco di Cappadocia, “una persona generosa e disponibile, un grande lavoratore che aveva costruito con serietà e professionalità il suo successo a Roma ma che era profondamente legato a Cappadocia dove tornava abitualmente. Ci mancherà!”.

Il ristorante di Massotti a Roma è molto conosciuto ed è frequentato da attori famosi, politici e anche giornalisti.

Gianni Riotta, giornalista della Stampa, ha ricordato il suo amico ristoratore sui social, con un pezzo unico, che racconta uno spaccato di storia della Capitale. Ha anche pubblicato un’immagine che lo ritraeva con Masotti in un momento di gioia.

A 19 anni, giovane collaboratore da Palermo del Manifesto, un giornale della nuova sinistra, da Palermo mi capitò di essere invitato, dopo una riunione, a mangiare al ristorante Tullio a Roma, in via San Nicola da Tolentino, dietro piazza Barberini e la grande chiesa -sempre sbarrata e enorme- che ricorda il genocidio degli Armeni. Se non ricordo male c’erano Eliseo Milani, ex operaio della Dalmine di Bergamo, poi deputato del Manifesto e quindi, come indipendente di sinistra vicepresidente del Senato; Lucio Magri, il carismatico fondatore del gruppo, anche lui poi deputato, suicida dopo avere scritto uno struggente libro sulla fine del comunismo, Il Sarto di Ulm; Paolo Passarini, che sarà vicedirettore de La Stampa; il mio amico Giorgio Casadio, futuro condirettore de l’Unione Sarda e caporedattore a Repubblica; il caro Pippo Maone, ex funzionario del Pci e amministratore del Manifesto. Come il giornale, non avevamo una lira (l’Euro era da venire) ed io, neofita nella capitale, mi meravigliavo che si mangiasse in quel ristorante che a me pareva di lusso.
Non sapevo che i due proprietari, il saggio Duilio Cecchini, un ex partigiano intelligente e cortese, fondatore del locale con il mitologico Tullio, e il suo amico Gianni Massotti davano una mano alleggerendo i conti, per simpatia umana.
Quando poi venni a vivere a Roma Tullio, in condominio con un altro storico locale, Cesaretto di via della Croce gestito da Luciano Guerra, divenne per me e la mia famiglia base fissa. Con Duilio diventammo amici, e imparai tanto dalla sua sagace intelligenza. Pian piano venni adottato da Gianni Masotti. Era nato povero, a Cappadocia, in Abruzzo, era andato in convitto dai preti, e narrava ridendo “Ai preti devo tutto, mi hanno insegnato la vita”. Aveva lavorato duro da cameriere, era arrivato a Roma in una città che voleva scordarsi della povertà e della guerra e diventare Dolce Vita, metropoli. Duilio e Gianni tenevamo corte insieme, Gianni aveva per ogni cliente una parola speciale. Ho, per il mio lavoro, conosciuto gli uomini più intelligenti del tempo, i pionieri dell’intelligenza artificiale, i leader politici, scrittori, artisti, scienziati. Ma raramente ho incontrato intelligenza pura come in Duilio e Gianni.
Quando Duilio se ne andò, una decina di anni fa, Gianni mantenne lo stilo di Tullio, buon cibo, professionisti, uomini e donne di successo, Woody Allen e il segretario di Stato Kerry, Morandi e Ligabue, Moratti e Zanetti, i capi di Milan e Juve, i leader politici e industriali, seduti accanto al giovane hacker di 19 che faceva volare il suo drone tra gli ospiti stupiti. Sono entrato da Gianni con personaggi importanti del nostro tempo e con i miei figli: quando mia figlia -che viveva con me a Roma- mi disse “Domani devo portare a scuola una torta a forma di chitarra, non ce la faremo mai io e tu, vero papà io e tu? Ho detto alla mamma di una mia compagna che mi aiuti lei” io mi rivoltai con orgoglio paterno, “Niente aiuto, faccio io” e solo Gianni mi salvò, portando una perfetta torta a forma di chitarra, con tanto di corde e chiavi in cioccolato. Mandava i funghi per mia madre, le fettuccine per mio figlio, il miele e i torroncini per mio padre. Vi squadrava con gli occhi scuri e mobilissimi e vi catalogava a fiuto, Pomposo Rompiscatole, Ricco Cretino, Potente Narciso, Bella Fatale, Persona Seria, Donna di Polso, Ragazzo Perbene, Combattente Simpatico. A tutti sorrideva professionale, ma a chi eleggeva amico riservava il cuore. Arrivarono poi i giovani, Piero e Francesco, figli di Gianni, e Nicolò, nipote di Duilio, portando nuove idee, stili, modi. Gianni regnava sornione, ma senza perdere di vista un dettaglio, pronto a indicare con un occhio al suo fido Pietro Di Biagio un piatto mancante, un cliente incerto, un vino da accoppiare. Gianni e Piero erano una strana coppia (“Masotti!” esclamava Piero per attrarne l’attenzione: coppia di lavoro, con affetto).
Gianni Masotti se n’è andato ieri notte, funerali domattina alle 11 alla Chiesa del Santissimo Sacramento a Roma largo Agosta 10. Diceva della Chiesa ai clienti più atei o agnostici “Tanto poi tutti là ritorniamo”, italiano, cattolico, concreto. Lascia la moglie e tre figli, e uno sterminato nugolo di uomini e donne cui, per una volta o ogni sera, ha alleviato il grigiore maledetto della vita parlando di cibo, vino, Juventus, idee, accendendo a luce vitale della speranza. Ho mangiato da lui con i miei studenti di Princeton come Greg Kufera e con il giovane Andrea Stroppa informatico di vaglia che, a 20 anni, era stato adottato da tutti da Tullio come me alla sua età.
Avevo parlato con Gianni domenica, per incoraggiarlo a tenere duro nella malattia. La sua formula quando arrivavo da Tullio e gli chiedevo “Come stai? era sempre “Sto bene? Di più”. Aveva preso la vita con coraggio e gioia, tornava dagli amici di Cappadocia senza dimenticare nessuno, “mai dimenticare da dove vieni, mai”, aiutava i bisognosi. Dovevamo andare da mio fratello Dollino in campagna a mangiare bistecche e bere vino rosso. La vita ha voluto altrimenti. Tullio era la mia casa fuori casa, per me e per tanti nave di serenità tra le onde del caos del mondo. Gianni ne era il capitano, pacioso, formidabile, rispettato, qualche volte temuto, sempre aguzzo di sguardo e di testa. Ho perso un fratello. Rest in peace Gianni e che Dio ti benedica. Come dicevi bene: torniamo tutti là.
Nella foto tre Gianni, io, Morandi, e il grande Massotti.

PROMO BOX

asma
Cunicoli di Claudio, Santangelo: “2,3 milioni per valorizzare il parco archeologico”
Comune di Celano
Restaurata la base processionale del busto di San Berardo di Pescina
Ricoperta di vernice rossa la targa di via Giorgio Almirante a Tagliacozzo
Flaconi per detersivo diventano piccole opere d'arte: l'ultima idea di riciclo creativo di Lenatorte per abbellire il borgo di Pescocanale
La biochimica scurcolana Anna Nuccitelli ottiene un dottorato negli USA: proseguirà i suoi studi presso l'University of Massachusetts
Liceo scientifico M.Vitruvio P.
IMG-20240522-WA0000
sfida ai fornelli terremarsicane
NINA
foto foc
Violento impatto tra due auto a Cappelle dei Marsi/Foto
thumbnail_IMG_1617
IMG-20240521-WA0017
Il tenore abruzzese Piero Mazzocchetti canterà al G7 Finanze
DOMENICO DI BERARDINO
Donazione di organi e trapianti terremarsicane
Copertura del disavanzo del servizio sanitario regionale, convocata una seduta urgente del Consiglio regionale
Domani a Ortona dei Marsi l'inaugurazione del Museo degli insetti Entoma
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Dopo 27 anni le Frecce Tricolori tornano a L'Aquila per l'Airshow del 25 e 26 Maggio
"Casa della salute mobile" a Civita d'Antino: consentirà di effettuare screening oncologici
FB_IMG_1716297966272

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina