Al Teatro Talia una serata all’insegna del divertimento



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – Il titolo non ha deluso le aspettative: “Sorridere …il mio esercizio preferito” in scena al Teatro Talia di Tagliacozzo interpretato da Pierluigi Di Lallo e Massimo Caponera, presentato dalla CINiK  International Recording, grazie all’amministrazione comunale presieduta dal Sindaco Vincenzo Giovagnorio.

Una introduzione che per un attimo ha lasciato basiti gli spettatori. Appare in scena un personaggio avvolto da un ampio mantello, maschera, luci basse, recitazione drammatica…uno scherzo! Così prende vita lo spettacolo, un continuo interfacciarsi con il pubblico e Pierluigi Di Lallo non è più l’attore ma un amico, quell’amico che tutti vorrebbero nella propria comitiva. Un gioco continuo che  non lasciava spazio alla risata per non perdere la battuta successiva.  Una semplicità che ha fatto innamorare il pubblico presente, e la particolare arguzia artistica  di utilizzare quel comune filo inesauribile di unione, il dialetto.

Pierluigi Di Lallo è un altro abruzzese DOC è nato  a  Rocca S. Giovanni (Chieti). Anche se per molti il nome potrebbe non risultare noto, ha un curriculum degno di un vero artista.  Partecipa giovanissimo con un piccola particina  ne “La vita di Petrolini” di Fiorenzo Fiorentini.  Ha curato la regia  di “Due e mezzo… e sto” e “Fratelli d’Italia” spettacolo comico in scena al Teatro Parioli di Roma.  Scopre di amare la scrittura e pertanto accentra il suo lavoro nella realizzazione dei testi dei propri spettacoli. Interpreta ruoli d’attore in film “Teste rasate” per la regia di Claudio Fragasso,  e in  “Niente può fermarci”. Partecipa ad alcune fiction televisive “Benvenuti al centro commerciale”, per la regia di Paolo Costella in onda su Canale5, e “Squadra molto speciale”, per la regia di Enzo Salvi in onda su Italia1. Infine, prosegue con la regia grazie al cortometraggio “Punti di vista”, che ha anche scritto e diretto. “Ambo” è la sua opera prima.

Ottima performance di attore con l’interpretazione, donata ai tanti spettatori presenti al Talia,  di “Mio padre è morto a 18 anni partigiano” di Luigi Magni e  a chiusura “ ’A Livella” di Totò.

Lo accompagna alla  tastiera  Massimo Caponera  che, quasi con imbarazzo, dimostra invece notevoli capacità di comico. Innegabile tra loro un notevole feeling artistico.

Un attore con una gran voglia di ridere e di far ridere… che  non smentisce il titolo “ Sorridere…il mio esercizio preferito”.  Anche il nostro, Pierluigi Di Lallo,  con i tempi che corrono!

Foto e video a cura di Manuel Conti




Lascia un commento