La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » Al Teatro dei Marsi “Il malato immaginario” la storia tragicocomica di Molière | VIDEO

Al Teatro dei Marsi “Il malato immaginario” la storia tragicocomica di Molière | VIDEO

Giole Dix un protagonista della scena, altruista e coinvolgente
Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
||||||||||||||||
||||||||||||||||

Avezzano –  Il testo del celeberrimo parigino Jean-Baptiste Poquelin, in arte Molière commediografo e attore, lo si può definire senza tempo. Una rappresentazione teatrale prediletta e presentata da quasi tutte le compagnie amatoriali e non,  fino a giungere alla versione cinematografica con la grande  interpretazione di Alberto Sordi affiancato dalla bellissima Laura Antonelli.

Il testo tradotto da Cesare Garboli è stato fedelmente messo in scena, al Teatro dei Marsi,  con la regia di Andrée Ruth Shammah.

Un’attesa intrigante per la performance di Giole Dix che, pur avendo una storia di attore di prosa meritevole d’attenzione, è dal pubblico conosciuto come un eccellente cabarettista che, nel programma ZELING,  vestiva il ruolo de “l’automobilista perennemente incazzato”.

La scenografia  essenziale, ma perfettamente studiata,  è  da vedere come un sottofondo, come un ruolo secondario ma necessario per i movimenti scenici degli attori. Bianco, nero e rosso sono i colori che nel teatro hanno identificazioni ben precise, e a emergere è proprio quella poltrona rossa che accoglie il “malato immaginario “:  Giole Dix.

Nella sua interpretazione, con il riso e con l’ironia, rivela un Argan decisamente moderno,  che mostra  quelle paure dell’uomo  appartenenti a questa società, come a voler dire quanto forte e vera  la trasposizione a oggi nella sua attualità.  Un attore che con straordinaria  bravura dà ritmo ad ogni battuta, con la perfetta conoscenza di quelli che sono definiti tempi teatrali. Lo studio del suo personaggio ha fatto di  Argan un simpatico individuo che suscita anche momenti di tenerezza, pur mostrando la caparbietà  dell’uomo che non vuole ammettere i propri sbagli. Gioele Dix  ha costruito con intelligenza e bravura il suo ruolo, facendo trapelare, nella perfetta intesa con i compagni di scena, anche  una straordinaria generosità d’attore.

Lo affianca un’ incredibile Anna Della Rosa, comica, brava, esuberante e compassata, scaltra e perspicace nei panni della serva Antonia. Una vera protagonista della scena.

Certo è che la stesura del lavoro del drammaturgo Moliere aiuta a concretizzare il gioco del teatro. Andrée Ruth Shammah ha firmato  la regia anche del “Il malato immaginario”  con  un interprete indimenticabile quale era Franco Parenti, scomparso nel 1989, oggi  ricordato anche dal teatro milanese che porta il suo nome.

Una regia che calibra esattamente, come un bilanciere, la dose del ritmo teatrale. Si percepisce una leggerezza, e quand’anche i movimenti degli attori diventano danza, o buffo balletto, sono talmente equilibrati che s’ incastrato in un contesto che non “offende” il testo, anzi lo offre al pubblico con delicatezza. Lo si percepisce dal gioco degli attori che, nonostante le repliche, trasmettono  un sapore di nuovo e il piacere dell’ interpretazione.

Momenti di stasi scenica,  vengono però compensati da una pregevole interpretazione degli attori della compagnia, bravi davvero e perfetti nel loro ruolo: l’ interessata moglie di Argan: Linda Gennari;  Valentina Bartolo interpreta  le due figlie;  Beraldo, fratello del protagonista, è impersonato da Pietro Micci; Cleante da Francesco Sferrazza Papa. Nei panni del professor Fecis Piero DomenicaccioAlessandro Quattro è il notaio, e ancora: Purgon padre è Marco Balbi; il giovane Purgon, aspirante marito, è Francesco Brandi che ha dato una prova d’attore veramente pregevole ed esilarante.

Nella contrapposizione dei costumi, e di alcuni oggetti di scena, si identifica  la volontà di focalizzare  l’ininterrotto filo conduttore temporale che rivela come quella  sindrome ipocondriaca, derisa da Molière, porta ad una realtà sociale odierna, dove è palese l’incubo della morte,  con il continuo voler inseguire una finta giovinezza, lì dove invece il tempo ha lasciato la sua orma.

Scenografia e costumi: Gian Maurizio Fercioni

Musiche: Michele Tadini e Paolo Ciarchi

Produzione Teatro Franco Parenti

Video e foto a cura di Manuel Conti

PROMO BOX

Screenshot_2024-05-24-21-47-01-360_com.facebook
Messa in sicurezza sismica: sono 20 i luoghi di culto in Abruzzo che riceveranno fondi PNRR
Foto Silvia Salvatore (3)
lista Noi per Capistrello
Cinque gattini abbandonati davanti all'abitazione di una volontaria: "Cercano una famiglia"
alba dei marsi
Sospetta presenza di bocconi avvelenati in località Camposecco - Campo Catino a Pereto
Ripulita l'antica Fonte di Follonica a Massa d'Albe, lungo il Cammino dei Briganti
Dottorandi e ricercatori del Summer College, provenienti da 13 Paesi del mondo, ospiti a Lecce nei Marsi
Cerchio porge oggi l'ultimo saluto a Fabio Angeloni, scomparso a soli 56 anni
Chiusura al traffico SP 23 "Alto Liri" a Capitrello, variazioni per i bus TUA della linea Tagliacozzo - Capistrello - Tagliacozzo
A Paterno, la Nuova Grande Panchina sul Monte Cervaro
Giornata Mondiale dei Bambini terremarsicane
MEMORIAL GIAN MAURO FRABOTTA KART
WhatsApp Image 2024-05-23 at 19.20
Quattro suggestivi scatti di Arturo Di Felice che immortalano la bellezza dei fenomeni celesti
Rimossa da Salviamo l'Orso una grande quantità di filo spinato
Interruzione del flusso idrico nel Comune di Aielli per la mattinata di oggi
In memoria di Giuseppina Cerroni: i colleghi e la direzione della Nova Salus effettuano una donazione a favore di Trasacco Emergency
mercato-avezzano-centro
|
Il Vicesindaco Luigi Soricone
FB_IMG_1716533884760
444747465_10233593313837640_6163009785225932614_n

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina