Ad Avezzano arrivano gli appuntamenti per riscoprire tradizioni e cultura popolare attraverso le ricette della Marsica dei nostri avi



Avezzano –  Un suggestivo viaggio enogastronomico per raccontare tradizioni, cultura e storia della nostra
terra. Testimonianze e narrazioni della Marsica che fu, quella del secolo scorso, sapientemente portate a
tavola dallo chef Paolo Parravano che, attraverso la genuinità dei prodotti offerti, anche grazie alla
collaborazione di alcuni produttori e artigiani locali, rievocherà il ricordo degli usi e costumi dei nostri avi.
Un momento di incontro e conoscenza, dunque, per riaccendere i riflettori su alcune abitudini alimentari
che attualmente sembrano essere relegate al passato ma che, invece, meriterebbero davvero di essere
riscoperte. Tenere viva la memoria è obbligo imprescindibile per le generazioni attuali e future,
strettamente legate e connesse da tradizioni e retaggi socio-culturali.
“La Mutina”, il momento rurale in città, questo il nome della rassegna che si svilupperà al bar Conca D’Oro
di Avezzano da questo sabato, 5 ottobre, fino a sabato14 dicembre, animerà il centro città grazie a una
serie di appuntamenti aperti a tutti coloro che desiderano tuffarsi nelle proprie radici, alla scoperta di
ricette che si tramandano da generazioni in generazioni.
“Si tratterà di uno spazio dedicato alla degustazione di numerose pietanze gastronomiche, spiega Mauro
Orfanelli titolare della Conca D’Oro, come, ad esempio, il pranzo attaccato al fazzoletto, la merenda che
scandiva il lavoro nei campi di Fucino e che noi trasformeremo in un’occasione di riscoperta utilizzando gli
ingredienti provenienti dal territorio che ci circonda”.
“Credo che le nostre attività abbiano anche un ruolo sociale, ecco perché raccontare la nostra storia è una
priorità che avverto in quanto tale. Si inizia questo sabato con il maestro pizzaiolo Parravano che
interpreterà la pizza con ricotta del parco zafferano di Navelli e verdure bio del Fucino. Diamo nuova linfa
vitale alle nostre radici partendo dalla tavola e, chissà che non possa essere anche l’occasione per fare
nuove amicizie, tutte legate dalla passione per questa bellissima terra in cui viviamo e che si chiama
Marsica”, conclude Orfanelli.