Zozzoni contro Natura. L’ira dei cittadini



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi – Oltre 21 quintali di pattume, più una rilevante quota di ingombranti. E’ stato questo il bilancio luchese della grande giornata ecologica che ha visto scendere in campo, armati di civiltà, guanti e rastrelli, oltre millecinquecento cittadini dei quattro paesi – Avezzano, Capistrello, Luco dei Marsi, Scurcola Marsicana – nell’area del Monte Salviano. Più veloce della sollecitudine dei volontari è stata la stupidità e l’inciviltà di qualcuno che, appena dopo qualche giorno dal termine della ripulitura del magnifico parco di San Leonardo, con annesse zone contigue, ha pensato bene di liberarsi della ‘monnezza’, come si vede dalle foto scattate in località Fratacchione, facendone sgradito dono alla collettività.

“ Sono indignato profondamente”, ha detto Massimo Giuseppe Alonzi, reggente della locale S.sezione CAI “Lucus Angitiae”, “ Abbiamo lavorato per due giorni per riportare al decoro le nostre aree verdi, ma l’indegnità di certa gente non ha limiti. Tra l’altro, questa è la cartolina che presentiamo ai tanti visitatori che, con la bella stagione, vengono a visitare il nostro parco e le altre belle zone della nostra montagna dai centri limitrofi e da altri posti. Chiederò formalmente l’installazione di un sistema di videosorveglianza, di fototrappole poste in punti cruciali. Occorre stroncare questo mal costume definitivamente”. Diversi i cittadini che, attraverso i social, hanno invocato misure definitive; l’invito sottoscritto dai più è a individuare gli zozzoni e a rendere pubbliche le loro generalità: che rispondano pubblicamente dei danni fatti ai pubblici – e fondamentali per tutti – beni.




Lascia un commento