Virus zanzare, Pettinari “attuare piano nazionale”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Il M5S lancia l’appello a Regione Abruzzo e alle Asl territoriali per assicurarsi che, dopo le direttive nazionali, anche in Abruzzo siano state messe in campo tutte le azioni per il monitoraggio e la prevenzione del rischio di diffusione dei virus West Nile, ChiKungunya, Dengue e Zika trasmessi da zanzara.

L’Abruzzo, infatti, sembra non comparire tra l’elenco dei laboratori regionali di riferimento per le malattie trasmesse, pubblicato dal Ministero e dall’Istituto superiore di Sanità. Ma l’attuazione dei Piani di Prevenzione è indispensabile.  E’ infatti il Ministero ad imporre il protocollo di azione per contrastare la trasmissione di tali virus ed a spiegarlo è il consigliere regionale Domenico Pettinari, vice presidente della commissione Sanità in Regione Abruzzo “Negli ultimi anni si è guardato con particolare attenzione alla trasmissione di tali virus, che si stanno trasmettendo anche in Europa a causa dello scambio di merci, del cambiamento climatico e delle migrazioni. Diffusione che ha spinto il Ministero a diffondere ben due Piani per la prevenzione. In entrambi si cerca di affrontare gli obiettivi principali come individuazione e monitoraggio dei casi, sia sull’uomo che sull’animale. Le istituzioni interessate dal Ministero sono Regione, Asl e Comuni. La Regione” spiega Pettinari “predispone un Piano di emergenza alla quale Asl e Comuni devono attenersi.

Le Asl organizzano un sistema di controllo per la cittadinanza e l’accertamento di casi infetti. Gli esami di controllo dovranno poi essere trasmessi al Ministero. I Comuni, infine, con l’aiuto di Regione Abruzzo predispongono sul territorio un sistema di controllo, monitoraggio e di lotta agli animali vettori. Purtroppo” conclude Pettinari “i Piani sembrano non attuati,  nonostante nell’ultimo bollettino n. 13 del 9 novembre 2017 si sia riscontrato un numero di 2 unità di pool di zanzare risultate positive nei confronti del virus Usutu nella città di Pescara. La stagione calda sta arrivando e non possiamo più accontentarci di disinfestazioni sommarie fatte spruzzando dei semplici deterrenti sulle piante. Il Piano nazionale prevede un protocollo chiaro che dovrebbe essere attuato al meglio per tutelare i cittadini”.




Lascia un commento