Vaccini Covid: 305 somministrazioni negli ultimi 3 giorni in provincia dell’Aquila, di cui 200 a studenti senza prenotazione



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’Aquila – E’ questo il bilancio dell’attività vaccinale anti covid in provincia di L’Aquila relativa a Lunedì 16, Martedì 17 e Mercoledì 18, con l’adozione del doppio canale, vale a dire accesso diretto o prenotazione il giorno prima della somministrazione. Numeri che testimoniano come la ‘macchina’ Asl della vaccinazione abbia ormai ingranato le marce alte, proiettandosi ai primi posti della graduatoria regionale

I dati,  spalmati nelle ultime 72 ore, dimostrano, in particolare, che l’azienda sanitaria è riuscita a intercettare un’ampia fetta di studenti, la fascia di utenza che, anche in base alle direttive del Governo, rappresenta la priorità, soprattutto in vista della riapertura delle scuole in programma tra circa un mese. 

Buona risposta anche delle altre categorie sociali, nel segno di una condivisione di responsabilità collettiva che prende sempre più piede. Infatti, sempre con riferimento agli ultimi tre giorni, nel territorio della provincia di L’Aquila si sono sottoposti alla vaccinazione 35 tra operatori scolastici e insegnanti.  

La mobilitazione comunicativa, ribadita ogni giorno dai medici, ha fatto breccia anche in settanta persone appartenenti alla fascia d’età over 60, una delle più strategiche nell’ambito dell’obiettivo finalizzato al raggiungimento dell’immunità di gregge, prevista per fine settembre

Alla base degli ottimi riscontri della vaccinazione di questo inizio di settimana, ci sono anche le nuove modalità introdotte dall’azienda sanitaria che si articolano in un doppio canale: vaccinazione con accesso diretto ai centri vaccinali (quindi senza preventivo appuntamento) oppure tramite prenotazione da inviare alla mail   vaccinazionecovid.studenti@asl1abruzzo.it il giorno precedente la somministrazione.

E’ significativa”, afferma il direttore della Prevenzione, Domenico Pompei,soprattutto l’adesione degli utenti compresi tra i 12 e 18 anni. Siamo in campo, ormai da mesi, con tutte le nostre risorse, umane e tecnologiche, per cercare di immunizzare il maggior numero possibile di persone. L’andamento delle somministrazioni, soprattutto nelle ultime settimane, è un motivo di fiducia perché denota una crescente sensibilità della gente”.

Comunicato stampa ASL 1