Tribunali minori, amministratori e avvocati: “non è finita”, nuovo summit coi parlamentari



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano   Salvezza dei tribunali di Avezzano, Lanciano, Sulmona e Vasto “ancora alla portata”: gli amministratori delle 4 città, insieme ai presidenti delle province di L’Aquila e Chieti e degli ordini degli avvocati, seppur delusi dallo stop della presidente del Senato, la forzista Maria Alberta Casellati, ma consci dello straordinario risultato acquisito, il sostegno di tutti i gruppi politici di palazzo Madama che ha portato la richiesta di proroga della chiusura dei tribunali a un passo dalla meta, chiamano i parlamentari a mantenere il fronte unito per puntare su una  nuova chance prima che sia troppo tardi.  

    “L’obiettivo finale, al di là degli incidenti di percorso, è ancora alla portata, basta inserirlo in uno dei prossimi decreti e farlo camminare velocemente”, hanno sottolineato i componenti del gruppo di lavoro nella riunione, convocata dal Comune di Avezzano -dove Gianni Di Pangrazio è stato nominato coordinatore- per fare il punto sullo stato dell’arte e fissare un nuovo appuntamento, a bocce ancora calde, con i senatori e i deputati: giovedì 5 agosto alle 19. Il fattore tempo, infatti, è fondamentale per non far sfumare per sempre la nuova proroga, l’ultima, fino a settembre del 2.024. Un traguardo che, con il disco verde delle commissioni giustizia e affari costituzionali all’emendamento depositato dai senatori Gianluca Castaldi, Gabriella Di Girolamo, Luciano D’Alfonso, Primo Di Nicola, Nazario Pagano, Alberto Bagnai, Gaetano Quagliariello, Alberto Balboni, Giuseppe Luigi Cucca e Loredana De Petris, con tanto di copertura economica della ragioneria dello Stato, era lì, a un passo. 

      Poi è arrivata la doccia fredda della forzista Casellati. Ora il gruppo di lavoro -coordinato da Di Pangrazio- composto da Domenico Di Berardino (vice sindaco di Avezzano), Mario Pupillo (sindaco di Lanciano e presidente della Provincia di Chieti), Anna Maria Casini (Sulmona) e Francesco Menna, (Vasto), il presidente della provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, e i presidenti degli ordini degli avvocati, Franco Colucci, Luca Tirabassi, Vittorio Melone e Silvana Anna Vassalli, reclama una nuova chance per i quattro tribunali, per poi giocarsi la partita decisiva con l’attesa riforma della geografia giudiziaria. Al fianco degli amministratori e gli avvocati si sono schierati anche gli arcivescovi Bruno Forte ed Emidio Cipollone e i vescovi Pietro Santoro e Michele Fusco: i pastori di anime hanno lanciato una lettera appello al governo Draghi, in particolare alla ministra della giustizia, la cattolica Marta Cartabia, per non privare i territori abruzzesi del diritto alla giustizia di prossimità.