giovedì, 4 , Marzo

Castellafiume, il TAR condanna la Segen alla bonifica della discarica comunale dismessa

Castellafiume - “Il comune ha vinto! La Segen è stata condannata alla bonifica della discarica”. E’ quanto afferma il Comune di Castellafiume a seguito...

Prima pagina

Tagliacozzo, nessuna denuncia ai giornalisti: passo indietro sulla delibera

Tagliacozzo. Si è svolta stamattina, nella sala consiliare del comune, la conferenza stampa convocata dall’amministrazione per chiarimenti sulla notizia di “un’inchiesta sul campus scolastico” apparsa nei mesi scorsi su diverse testate.
Oltre al sindaco e alla giunta, erano presenti la presidente del consiglio e l’avvocato incaricato Alessandro Fanelli, il quale ha ricostruito velocemente la vicenda e ha spiegato che «la Procura ha acquisito gli atti, li ha analizzati e non ha trovato nulla. Non è mai stato messo in dubbio che si trattasse di persone oneste (i membri della giunta, il segretario comunale e il dirigente dell’ufficio tecnico, ndr), ma oggi si può fare chiarezza: nessuno risulta indagato». Va sottolineato che nessuna testata aveva parlato di indagati o messo in dubbio l’onestà di amministratori e dirigenti comunali. L’avvocato ha tenuto anche a sottolineare che «ci si augura che venga ripristinato il rapporto tra l’amministrazione e la stampa».

Nessuna denuncia per i giornalisti e  per le testate coinvolte, dunque. Infatti, la notizia apparsa sui giornali – cioè l’acquisizione di atti in comune riguardanti la “gara per l’affidamento dell’incarico di progettazione del campus scolastico”- è stata confermata anche da Fanelli e dal primo cittadino. Quello che è stato contestato stamattina dall’amministrazione e dal legale è l’utilizzo della parola “inchiesta” nei titoli di giornale. Il primo cittadino ha affermato, infatti, che «in intesa con la maggioranza, abbiamo voluto nominare anche un legale che ci sostenesse in questa vicenda a difesa del buon nome della città di Tagliacozzo perché acquisizione di atti nei comuni se ne fanno quasi quotidianamente, inchieste forse un po’ più raro. Inchieste sul campus scolastico non ce ne sono». Il primo cittadino ha anche chiarito che la nomina del’avvocato Fanelli è stata voluta «non tanto per istruire contenziosi quanto per fare chiarezza».

La vicenda.  Lo scorso 8 gennaio, con la delibera di Giunta n°5 “Provvedimenti a tutela dell’immagine dell’amministrazione comunale”, la Giunta aveva dato mandato al sindaco di conferire “specifica procura finalizzata ad intraprendere azioni legali a tutela dell’immagine dell’amministrazione comunale”. Nelle premesse l’assessore agli Affari legali avv. Giuseppe Mastroddi, estensore della proposta di deliberazione, citava tre testate giornalistiche –tra cui TerreMarsicane– i cui “titoli sensazionalistici” erano ritenuti “oltremodo pregiudizievoli dell’onorabilità e del buon nome dell’attuale amministrazione”. L’assessore, inoltre, riteneva che sussistessero “ragioni ed elementi di fatto e di diritto che legittimano l’avvio di azioni legali, sia civili che penali”. Nella delibera, inoltre, veniva quantificato l’importo del compenso per il legale in circa 5mila euro totali. Sulla vicenda, in seguito, erano intervenuti l’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo, la FNSI e l’SgA.

Oggi l’ipotesi delle querele ai giornalisti è definitivamente sfumata, come hanno precisato l’avvocato e il sindaco che hanno, più volte, parlato di «volontà di fare chiarezza».

Durante la conferenza ha preso la parola anche Daniele Imperiale, in rappresentanza dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo. «Chi deve raccontare dei fatti è giusto che faccia il suo mestiere. Testate certificate hanno riportato un fatto e i giornalisti hanno accertato la fonte. I termini con cui confezionare gli articoli – ha spiegato Imperiale – li scelgono i giornalisti: ognuno fa il suo mestiere. L’Ordine dei giornalisti garantisce la deontologia dei professionisti che, a nostro giudizio, in questo caso è ampiamente riscontrata».

 

A seguito della conferenza stampa di questa mattina, l’amministrazione ha diramato un comunicato che riportiamo integralmente di seguito.

 L’Amministrazione Comunale di Tagliacozzo, con l’Avvocato incaricato Alessandro Fanelli, all’esito della Conferenza stampa tenutasi in data odierna nella Sala consiliare, intende chiarire anche con questo comunicato stampa la totale estraneità dell’Ente da qualsiasi inchiesta giudiziaria riguardante l’iter amministrativo per l’assegnazione dell’incarico di progettazione del Campus scolastico. A tal riguardo l’Avvocato Fanelli ha messo a disposizione della Stampa le attestazioni riguardanti il Sindaco Vincenzo Giovagnorio, il Vice Sindaco Chiara Nanni, gli Assessori Giuseppe Mastroddi e Roberto Giovagnorio, nonché il Segretario comunale Maria Picchi e il Responsabile dell’Area Tecnica Roberta Marcelli, richieste alla Procura della Repubblica di Avezzano ex articolo 335 c.p.p., che recano tutte la medesima dichiarazione: “non risultano iscrizioni suscettibili di comunicazioni”, in altre parole le persone sopra citate non risultano indagate

Ultim'ora