Ritardi e disservizi: l’odissea quotidiana dei pendolari della Avezzano-Roma



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Costretti a scendere dal treno delle 6.26 e a salire su quello delle 7.10 arrivando così a lavoro incolpevolmente in ritardo. Ennesima mattinata di disagi per i pendolari della tratta ferroviaria Avezzano-Roma. La segnalazione arriva da una nostra lettrice che tutte le mattine raggiunge la capitale con il treno delle 6.26, in partenza dalla stazione del capoluogo marsicano.

“Questa mattina, l’ennesima mattina, noi pendolari della tratta ferroviaria Avezzano-Roma abbiamo subito un disservizio. Siamo partiti alle 6.26 dalla stazione di Avezzano, ma ad un certo punto il treno si è fermato ed è tornato indietro fino alla stazione di Tagliacozzo. Siamo dovuti scendere dal treno, per poi risalire su quello partito da Avezzano alle 7.10, a sua volta in ritardo. È inconcepibile che questo accada praticamente una mattina sì e una no. Non è possibile viaggiare in queste condizioni”.