fulv
Aspetti della giurisdizione delegata nella Marsica durante il viceregno spagnolo e austriaco
Non è facile svolgere un’analisi sistematica e comparata che possa aiutarci ad arricchire e precisare il giudizio, a volte ancora troppo generico, sul dominio dei Colonna nel territorio marsicano durante...
Grotta di Sant'Agata
La grotta di Sant'Agata
Una grossa cavità naturale posta sul versante acclive della Serra di Celano grotta di Sant’Agata Sopra la parte sommitale della rocca della Turris Caelani, sotto una grande sporgenza rocciosa...
bcvff
Luigi Colantoni (1843-1925), canonico, vicario capitolare e ispettore ai monumenti
Questo articolo su Luigi Colantoni segue quello interessante dell’amico Fiorenzo Amiconi apparso su Terre Marsicane lo scorso 24 dicembre 2019 e vuole essere una integrazione ed un completamento di quanto...
I banditi Marco Sciarra e Alfonso Piccolomini
Banditismo e rivolte nel territorio marsicano (1587-1592)
Il 19 aprile 1587 la popolazione di Colli di Montebove (allora solo Colli) chiese aiuto al vescovo dei Marsi perché tormentata lungamente da un gruppo di feroci banditi. A sua volta, il presule, diresse...
Santa Maria degli Angeli alle Croci Napoli  - anno 1580 -
Nicola Corsibono, nato nel 1848 a Napoli visse e dipinse a Tagliacozzo
Nasce in località San Carlo all’Arena (Napoli) alle ore venti del 3 ottobre del 1848 in quell’epoca l’intera regione si chiamava ancora “Regno delle due Sicilie”. Fu battezzato nella splendida chiesa barocca...
feud
Feudatari, banditi aristocratici e scorridori di campagna (1592-1707)
Prima di esaminare dati importanti, occorre trattare altri episodi legati alla feudalità che costituiranno poi un passaggio fondamentale nel raggiungimento di un equilibrio tra economia agraria e pastorale,...
WhatsApp Image 2024-03-29 at 11.03
Le confraternite di Celano e i riti della Settimana Santa
Le sei confraternite di Celano, a distanza di secoli dalla loro fondazione, sono ancora attive ed operanti. Tutte sono titolari di una propria chiesa la cui cura e gestione rappresenta l’impegno...
Il perduto borgo di Alba Fucens nel disegno e nel racconto dell'artista viaggiatore Edward Lear (1846)
Il perduto borgo di Alba Fucens nel disegno e nel racconto dell'artista viaggiatore Edward Lear (1846)
Alba Fucens – Tra le varie tavole litografiche che Edward Lear ha realizzato nella Marsica, una tra le più suggestive e affascinanti è quella dedicata al borgo di Alba Fucens, un paese che, purtroppo,...
Cerca
Close this search box.

Proposta della Fiom alla Regione Abruzzo per la gestione lavoratori con temperatura superiore a 37,5°

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelina Di Cosmo
Angelina Di Cosmo
Vedi necrologio

L’Aquila –  Ecco la proposta della Fiom Cgil Abruzzo Molise, indirizzata al Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio per la gestione di casi di lavoratori con temperatura superiore a 37,5°C rilevata all’ingresso in azienda, a firma del Segretario generale Alfredo Fegatelli.

“Nell’interesse collettivo e con l’obiettivo di contribuire a trovare una soluzione rispetto agli episodi che stanno avvenendo a seguito delle rilevazioni delle temperature ai lavoratori nelle aziende, la FIOM ABRUZZO MOLISE avanza delle proposte per avviare una discussione tra istituzioni, aziende e sindacati per trovare una soluzione comune al fine di tutelare i lavoratori, il territorio e il tessuto produttivo.

Premessa la difficoltà oggettiva di ogni azione visto che la stessa avrà un impatto sia con il diritto alla privacy e sia con l’impossibilità di correlare scientificamente l’alta temperatura corporea con il contagio da COVID-19, e premesso che qualsiasi azione sarà sicuramente oggetto di maggiori approfondimenti e miglioramenti, procediamo inizialmente all’identificazione dei casi che andrebbero presi in esame: 

  1. un lavoratore che viaggia da solo in macchina;
  2. un lavoratore che viaggia con un altro collega;
  3. un lavoratore che viaggia con i mezzi pubblici.

 Per tutti i casi sopra esposti sarà necessario:

  • risalire alla tracciabilità dei contatti;
  • azioni da intraprendere in caso il lavoratore risulti avere una temperatura superiore ai 37,5°C.

 La procedura che proponiamo e che può essere la base di una discussione per individuare ulteriori soluzioni, è la seguente:

individuato il lavoratore con la temperatura maggiore di 37,5°C, lo stesso deve essere accompagnato, con le dovute cautele, in un locale aziendale idoneo ed isolato per effettuare la seconda misurazione manuale (tale operazione, ed in generale l’intera gestione del lavoratore sospetto di contagio, sarà gestita dal personale della sala medica in tutte quelle realtà dove è presente una sala medica aziendale. Nelle realtà lavorative sprovviste di sala medica, la figura che gestirà tali operazioni sarà indicata dall’azienda). Se viene confermata la temperatura, l’azienda deve dotare il lavoratore sospetto di tutte le precauzioni (DPI) necessari affinché non si propaghi l’eventuale contagio. È prassi comune chiedere l’intervento del medico competente o lasciare che il lavoratore contatti il proprio medico di base, la nostra proposta è di chiamare sempre la ASL di competenza territoriale. La ASL comunicherà la procedura da adottare nei confronti del lavoratore ed attiverà tutte le misure di indagine necessarie per la tracciabilità dei contatti a partire dalle modalità di raggiungimento del luogo di lavoro.

Soprattutto nell’ipotesi 3, utilizzo mezzi pubblici, solo la ASL dispone dei mezzi necessari, garantendo la privacy, per tracciare i contatti che il lavoratore ha avuto durante il viaggio ed avvisare i lavoratori interessati, i quali possono essere di diverse aziende.

 La proposta della FIOM ABRUZZO MOLISE si completa con la richiesta di predisporre la misurazione della temperatura anche in uscita dall’azienda e in caso di temperatura corporea alta procedere come descritto in precedenza.

In ogni caso, ogni volta vanno sempre sanificati i luoghi o i mezzi dove ha stazionato il lavoratore con rilevazione della temperatura alta.

Tale procedura andrebbe normata attraverso un’ordinanza della Regione che consenta la possibilità di tracciare e mantenere i contatti, di coinvolgere la protezione civile valutando la possibilità di presidi nei nuclei industriali negli orari di ingresso e uscita anche per le aziende dove non è presente il sindacato.

Va previsto l’obbligo del tampone per ogni lavoratore a cui viene rilevata una temperatura superiore a 37,5°C e l’impossibilità di rientrare in azienda fino all’esito negativo del tampone. Se il tampone risultasse positivo andrebbero eseguiti i tamponi ai contatti precedentemente tracciati.

Rispetto ai trasporti, che rischiano di essere il vero anello debole di tutto il sistema di tutele, sarebbe opportuno, vista la tecnologia a disposizione, che siano previsti dei rilevatori automatici della temperatura, così come avviene negli autobus a lunga percorrenza. Inoltre, per i conducenti, a tutela degli stessi, vanno previsti meccanismi di isolamento che vadano oltre il distanziamento. In alcune regioni hanno predisposto dei pannelli di plexiglass che garantiscono l’opportuno isolamento.

Va prevista una regola generale che indichi la massima capienza dei mezzi di trasporto e il divieto di fare il biglietto a bordo. Gli autisti, che vanno preservati, anche per l’importante servizio che svolgono, devono evitare al massimo i contatti con i passeggeri.

La Regione Abruzzo deve concertare con le regioni limitrofe, in primis il Molise, che vengano adottati comportamenti omogenei sul trasporto pubblico. In caso contrario non deve consentire l’ingresso dei mezzi che non rispettano le ordinanze abruzzesi”.

NEWS

Quattro cuccioli abbandonati nella campagne di Tagliacozzo: "Chi può aiutarli?"
unnamed (4)
433098538_1118298909600081_5736080247556925110_n
Compie 100 anni il sacerdote marsicano don Francesco Di Domenico
661cce8eac353
Gruppo cammini aperti
Un oro e due argenti per gli atleti dell'Asd MMa al Campionato italiano cadetti Kick Boxing 2024
Foto-di-gruppo-presso-Micron
FB_IMG_1713162782259
438224862_7647120195308665_1721757357637401617_n
IMG-20240414-WA0028
Serpari di Cocullo
conv
deaddogwalking
FB_IMG_1710446734494
carabinieri-arresto
a332341aaa00d2590fdf4c9edd41cb1e_870x400
Ovindoli
Il Prefetto Di Vincenzo espelle cittadino extracomunitario irregolare fermato a L'Aquila dai Carabinieri
Il maestro Tony Bertone e Carlotta Iulianella
Ritrovamento del Mammut
WhatsApp Image 2024-04-14 at 09.15
661b76980a756 (1)
Alexandra e Samuele eletti Sindaca e Presidente del Consiglio Comunale dei Giovani di Scurcola Marsicana

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelina Di Cosmo
Angelina Di Cosmo
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina