Piccoli atti vandalici nel centro cittadino, punizione esemplare per 4 giovani: “devono ripulire le principali strade del posto”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

CapistrelloCercate di lasciare questo mondo un pò migliore di quanto l’avete lasciato”: è con questo motto di Robert Baden Powell, fondatore dello scoutismo, che inizia una delle tante giornate estive per quattro giovani adolescenti di Capistrello, “armati” di mascherina, guanti e sacchetti alla mano. Missione della giornata, ripulire gli angoli del paese dai rifiuti gettati a terra e gli imbrattamenti di scritte nelle piazze cittadine.

Un’iniziativa intrapresa dalla Polizia Locale di Capistrello e accolta favorevolmente dai genitori dei ragazzi, colpevoli, quest’ultimi, di aver commesso, nei giorni precedenti, piccoli atti vandalici nel centro cittadino.

I ragazzi sono stati convocati dalla Polizia Locale nel proprio ufficio, insieme ai genitori e, dopo aver confessato i villani comportamenti, sono stati bacchettati efficacemente dagli agenti che hanno illustrato loro la pena che gli sarebbe spettata per gli atti commessi: niente multe, questa volta, ma qualcosa di molto più pratico, “ripulire sotto la supervisione dei genitori ed Agenti della Polizia Locale le principali strade di Capistrello”.

Una punizione, dunque, “esemplare e rieducativa”, consistente nell’obbligo del ripristino dello stato dei luoghi a proprie spese e con le proprie energie.

Non sono mancati momenti di confronto e dialogo durante l’attività tra gli Agenti e gli adolescenti sull’importanza della cura dell’ambiente e del bene pubblico, nonché del rispetto delle regole di civile convivenza, sfociati poi in una meritata colazione.

Plauso del sindaco di Capistrello Francesco Ciciotti per l’iniziativa della Polizia Locale e per la collaborazione dei genitori dei ragazzi.

 




Leggi anche