Natale e rischio Covid. Prof. Galli: “mascherine in casa, distanziamento a tavola e niente abbracci”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Il prof. Massimo Galli, direttore responsabile di Malattie infettive presso l’ospedale “Luigi Sacco” di Milano, ha rilasciato un’intervista a “Il Mattino” nella quale riassume i comportamenti più opportuni da tenere in famiglia in vista delle prossime festività di Natale, considerando che i contagi rischiano, proprio in questo periodo, di riattivarsi in maniera seria.

In famiglia a Natale bisognerà stare molto attenti” spiega il prof. Galli “quando si incontrano ragazzi in età scolare o bambini più piccoli con i nonni più fragili ed esposti al virus, anche se vaccinati, il rischio aumenta“. Secondo il noto infettivologo, quindi, durante il periodo natalizio, sarebbe opportuno usare le mascherine il più possibile.

Galli consiglia di mantenere il distanziamento tra le persone che siedono assieme a tavola, di non usare gli stessi bicchieri o le stesse posate, di arieggiare le stanze appena possibile e, soprattutto, di evitare gli abbracci. Inoltre: “controllare con un tampone chi sembra avere anche un solo e semplice raffreddore“.

Ovviamente anche Galli pone la sua attenzione sull’importanza dei vaccini: “Il virus continua a cambiare più di quanto atteso, i vaccini ne attenuano le conseguenze. Sono uno strumento per consentirci di fare una vita quasi normale. Uno strumento forse imperfetto, ma in grado di proteggerci realmente, prevenendo la malattia. Bisogna poi capire che per venirne a capo bisognerà vaccinare tutto il mondo e non solo un territorio“.