L’ANPI Marsica ricorda Seritti Antonio, morto a 101 anni

CelanoUn breve messaggio in ricordo del compagno SERITTI ANTONIO

Ieri notte presso la sua abitazione, alla veneranda età 101 anni è morto il compagno Antonio Seritti.

Contadino dalla tempra eccezionale, di forte carattere è stato testimone dell’intero secolo breve il 1900 e  della storia di Celano.

Fortemente legato alla terra, ai valori della società agro-pastorale, sapeva parlare ai giovani richiamando i valori di libertà, di emancipazione sociale. Iscritto al Partito Comunista Italiano dal dopoguerra al 1989 anno in cui viene sciolto.

Dopo l’8 settembre 1943, ex bersagliere del regio esercito, contribuisce alla lotta partigiana per la liberazione dell’Italia dal nazifascismo.

Riesce a nascondere nella sua casetta agricola nel fucino diversi giovani soldati alleati sbandati  o fatti prigionieri dai tedeschi e rinchiusi nel campo di concentramento di Avezzano.

Si distinguere nel recuperare dai tedeschi e collaborazionisti fascisti, gli animali sottratti con la forza delle armi dai pastori e contadini.

Nel 1991 il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga gli rilascia

Diploma d’onore al Combattente per la Libertà d’Italia.

Iscritto all’ANRP ( Associazione Nazionale Reduci dalla prigionia,dall’internamento, dalla guerra di Liberazione)

Nel mese di aprile 2016 inoltra domanda per la concessione della Medaglia della Liberazione.

L’ANPI Marsica nel richiamare i valori della Resistenza e la figura del compagno Antonio Seritti raccomanda  ai cittadini e soprattutto ai giovani i valori sanciti dalla Costituzione Repubblica ottenuta grazie al sacrificio di molti giovani e combattenti per la liberta, la democrazia la giustizia sociale.