13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Marsica – L’inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona nel 1888 fu un evento di grande importanza per l’Italia perché segno un passo fondamentale nello sviluppo delle infrastrutture di trasporto del...
Cerca
Close this search box.
Home » Avezzano » La terza legione marsicana in partenza per l’Africa orientale, finte amnistie e massacri in Etiopia (gennaio-febbraio 1937)

La terza legione marsicana in partenza per l’Africa orientale, finte amnistie e massacri in Etiopia (gennaio-febbraio 1937)

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio
La cattura del ras Destà Damtù
La cattura del ras Destà Damtù

Nel mese di gennaio del 1937, dopo due ore di colloquio con Mussolini (conversazioni italo-tedesche a Palazzo Venezia), Göering lasciò Roma, accompagnato dal duce e da numerose camicie nere alla stazione (1). A questo riguardo, ancora una volta, il contributo dello storico Renzo De Felice, traccia una corrente di pensiero molto indicativa, fornendo gli strumenti necessari per comprendere meglio la svolta fascista: «Le vicende degli anni successivi, e cioè il fatto che Mussolini finì per avvicinarsi sempre più ad Hitler, per allearsi con lui e per seguirlo in guerra, non debbono far pensare che questo dilemma fosse all’indomani della conquista dell’Etiopia solo teorico e, di fatto, già oggettivamente risolto, predeterminato in direzione della Germania. Al contrario, nei mesi ai quali ci riferiamo e ancora per parecchio tempo, esso fu una possibilità reale non solo soggettivamente, ma, ciò che più conta, oggettivamente» (2).

Al tempo stesso ci furono grandi manifestazioni con tripudio di popolo a Piazza Venezia per accogliere «i valorosi Legionari della divisione Tevere e i marinai del battaglione San Marco». Donne fasciste donarono ai soldati rose e rami di mimose «con i quali i Legionari abbronzati adornano i moschetti e le mitragliatrici, tra una marea di popolo e una selva di baionette nel Foro dell’Impero». Il discorso del duce finì con queste eloquenti parole: «ora ditemi: la Patria può contare su di voi, oggi, domani, sempre? La domanda di Mussolini provoca una risposta unanime che sembra un uragano. Il Sì che echeggia altissimo sembra il rombo di un tuono» (3).

In questa nuova fase, un altro importante problema di ordine generale fu il decreto di amnistia concesso da Vittorio Emanuele III, definito ormai dalla stampa re d’Italia e imperatore d’Etiopia (4).

Di fatto, però, quest’atto non salvò dalle pene più severe alcuni antifascisti marsicani di Luco dei Marsi, Celano, Canistro, S.Benedetto e Trasacco, i quali erano stati condannati per aver offeso Mussolini lanciando in pubblico ingiurie indirizzate: «a quel porco del duce». Tuttavia, come specificò il giornalista G.E.Modigliani sul giornale Il Nuovo Avanti, quasi nessun delitto politico fu veramente amnistiato. Affinità così numerose ed evidenti, fecero ricredere molti disfattisti politici già in carcere, poiché il decreto: «dopo aver concesso un condono di due anni di pena nei casi meno gravi, aumentava il condono fino a quattro anni nei casi più gravi, ma si affrettava a soggiungere che mai la pena potrà scendere sotto gli otto anni, e trattenendo così in carcere non pochi avversari politici, condannati negli ultimi anni e che altrimenti sarebbero stati liberati. Infatti, anche dopo aver scontato la pena e anche dopo una liberazione per condono della pena residua, i condannati politici erano spediti immediatamente al confino per tre o cinque anni» (5).

Nella pretura di Pescina, finalmente, il 16 febbraio del 1937: «Dopo una vacanza di circa un anno, interrotta per qualche mese dalla venuta del dott. Francesco Goias, è giunto tra noi, il nuovo Pretore dott. Mario Tranfaglio, il quale ha preso subito possesso del suo ufficio, ponendosi con alacrità al lavoro» (6).

Militari avezzanesi trasportano in processione la Madonna di Pietraquaria

Invece, in ambito militare, il giorno venti dello stesso mese partì da Avezzano per l’Africa orientale la prima compagnia mitragliatrici pesanti della 3ª legione (VI divisione), composta di cinque ufficiali e da duecentocinque militi. Un articolo di giornale specificò che: «La Compagnia ha portato con sé una fedele copia della SS.Vergine di Pietraquaria, donata dal concittadino Domenico Serta. La consegna dell’immagine è stata preceduta da una Cerimonia religiosa durante la quale il canonico don Gabriele Cipriani, presenti le autorità, ha pronunciato un opportuno ed elevato discorso. I parenti sono stati salutati alla stazione dal Seniore cav. Proietti, comandante della 132ª Legione Monte Velino e da altre autorità». Questo significava che in Etiopia, anche se la guerra era stata vinta dagli italiani, la guerriglia imperversò fino alla cattura e alla fucilazione del ras Destà Damtù (genero del negus Hailé Selassié). Il rapporto del viceré Rodolfo Graziani (appena scampato ad un attentato), indirizzato a Mussolini, specificò che durante gli scontri del 19-20 febbraio 1937: «Le truppe italiane catturavano e fucilavano il Deggiac Beiené Merid, restando ucciso nello scontro Deggiac Gabremariam. Ras Destà Damtù sfuggiva allo scontro di Goggetti, ma accanitamente inseguito è stato raggiunto ieri 24 febbraio dalla banda Tigrina del Deggiac Toclu, comandata dal Capitano Tucci, poi catturato e passato immediatamente per le armi». 

Tutto questo confermerà che l’Etiopia era stata conquistata ma non pacificata e che «gli abissini sono vinti ma non domi» (7).

NOTE

  1. Il Messaggero, Anno 59° – N.21, Domenica 24 gennaio 1937. Conclusione delle conversazioni Italo-tedesche. Göering ha lasciato Roma dopo un lungo colloquio col Duce.
  2. R.De Felice, cit., pp.788-789.
  3. Il Messaggero, Anno 59° – N.32, Sabato 6 Febbraio 1937. Ai reduci della «Tevere» e del battaglione «San Marco» (5 febbraio 1937). Il grande «Sì!» della moltitudine sale oltre i marmi candidi del Vittoriano.
  4. Ivi, Anno 59° – N.41, Mercoledì 17 Febbraio 1937. L’atto di sovrana clemenza per il fausto evento [nascita del principe di Napoli Vittorio Emanuele di Savoia, 12 febbraio 1937]. Il decreto di amnistia. Per tutti i particolari dell’evento, si veda: Il Mattino Illustrato, Anno XIV – N.8, Napoli 22 febbraio 1937 che riporta in prima pagina una fotografia della madre la principessa Maria di Piemonte: «Esultanza di popolo per la nascita del principe di Napoli»; Anno XIV – N.9, Napoli 8 Marzo 1937, in prima pagina la «la prima fotografia dell’infante eseguita nella Reggia di Napoli accanto al fratellino»; Cfr. Il Gazzettino Illustrato, Anno VII – N.9, 28 Febbraio 1937, Venezia.
  5. R.Colapietra, cit., pp. 182-183. Lo studioso riporta alcuni nominativi ripresi dai fascicoli personali della Pubblica Sicurezza. Cfr. Avanti! (Le Nouvel Avanti), Settimanale del Partito Socialista Italiano, Anno XLII – N.9 – Nuova serie, Anno IV – N.9, Parigi, 27 febbraio 1937. La finta amnistia.
  6. Il Messaggero, Anno 59° – N.41, Mercoledì 17 febbraio 1937, p.4. Nella Pretura di Pescina.
  7. Il Messaggero, Anno 59° – N.49, Venerdì 26 febbraio 1937. La fine dell’ultimo ribelle. Ras Destà passato per le armi. La caccia e l’epilogo. Occorre specificare che un’ampia bibliografia sull’argomento delle “stragi” perpetrate dal generale Graziani in Etiopia, è stata già pubblicata e riportata anche in parecchi Blog su Internet. In particolare, si veda lo studio dello storico Giorgio Rochat: L’attentato a Graziani e la repressione italiana in Etiopia nel 1936-37, in «Italia contemporanea», 1975, n.118, pp.3-38. Cfr. Il Nuovo Avanti, Nuova Serie, Anno IV – N.9, Parigi, 27 febbraio 1937. Le bombe di Addis-Abeba, Nell’articolo citato, l’attentato a Graziani fu definito: «un fattaccio di cronaca nera».

PROMO BOX

mercato
WhatsApp Image 2024-05-20 at 09.14
Incentivi economici alle imprese abruzzesi che assumono giovani disoccupati fino a 35 anni
Sciame sismico in area flegrea, la Protezione Civile attiva l'unità di crisi e allestisce aree di accoglienza per la popolazione
Inaugurazione nuova Big Bench a Pescocanale: domenica 26 Maggio presentazione della panchina gigante sulla montagna della Renga
Una femmina di lupo avvistata tra i campi di Fucino (video)
Comune di Celano
José Borges
Sirente Bike Marathon 20052024 camp reg fci abruzzo marathon
IMG-20240521-WA0000
FB_IMG_1716223877738
pietrucci-pierpaolo
WhatsApp Image 2024-05-20 at 12.48
60 mila prodotti contraffatti finiti sotto sequestro grazie alle indagini eseguite dalle Fiamme Gialle
Pescasseroli si prepara alla magnifica infiorata del Corpus Domini, i lavori prenderanno il via il 1° Giugno
Cammino dell'Accoglienza, 3 giorni di trekking dalla Valle Roveto ad Avezzano attraverso la montagna di Luco e la cresta del Salviano
L'antica Torre medievale di Collarmele è interessata da lavori di manutenzione straordinaria
Avezzano si prepara a commemorare le circa 100 vittime civili del bombardamento del 1944
Comune di Capistrello
Lavoro agricolo di qualità e lotta al caporalato: istituzione della Sezione Territoriale della rete nella provincia dell'Aquila
Alone luminoso intorno al sole: il particolare fenomeno ottico in una foto di Arturo Di Felice
Diversi atti vandalici registrati a San Benedetto dei Marsi, sindaco Cerasani: "Abbiamo raggiunto il limite, faremo denuncia"
IMG-20240520-WA0003
Il 20 Maggio è la Giornata Mondiale delle Api, fondamentali rigeneratrici di biodiversità

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina