La Marsica di Tommaso Brogi (1900) – Parte VII



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

La Marsica di Tommaso Brogi (1900)
Tradotta e resa leggibile da Franco Francesco Zazzara
>> Capitolo primo
   >> Capitolo secondo
>> Capitolo terzo
>> Capitolo quarto
>> Capitolo quinto
>> Capitolo sesto

C’erano ancora i Conti dei Marsi a Valva ( Corfinio )e numerosi monasteri che venivano donati nel Sangritano .

SIGENULFO . Pose la sua residenza principale a Castel S. Angelo nel Carseolano . Egli non lasciò figli .

RAINALDO :- Si stabilì nel Castello di Oricola . Nel 1067 donò la Chiesa di San Silvestro di Pereto con altri possedimenti , all’Abbazia di Farfa e si intestò l’atto di donazione come “ Conte della Provincia dei Marsi “.

Si sposò con una figlia del Principe di Capua Pandolfo , che si chiamava Aldegrima . Sul punto di morte dispose che tutti i suoi possedimenti fossero donati all’Abbazia di Cassino “per il bene dell’anima propria e della moglie”. Ebbe solo una figlia , di nome Maria . Secondo gli storici la donazione a Cassino fu fatta da Rainaldo in odio al fratello Berardo oppure , per l’alterigia e l’ambizione della moglie , nobildonna normanna , che forse voleva essere la Contessa dei Marsi , al posto del cognato Berardo  .

Con tutte le donazioni che ricevettero , le abbazie di Cassino e di Farfa divennero feudatarie al posto dei De Berardi .

Dopo l’occupazione della Marsica da parte dei Normanni , i Castelli e i possedimenti dei Berardi passarono ad altre mani .

Berardo V° .- Fu Conte dei Marsi . Nell’anno 1048 donò il Castello di Rosciolo al monastero benedettino che si trovava in Valle Porcaneci (Porclaneta).Nel 1061 donò all’abbazia di Farfa la Chiesa della SS.Trinità che era in Avezzano , cento moggi di terra vicino al Lago Fucino . Anche i figli e nipoti continuarono nelle donazioni  alle Abbazie di Farfa e di Cassino , come se un senso di sconforto avesse preso i membri della nobile Casata dei Berardi , rassegnato ai sentimenti di religione .

La moglie di Berardo V° si chiamava Gemma , con la quale ebbe due figli , Berardo e Teodino.

In quegli anni di Sigenulfo , di Rainaldo e di Berardo V° , ci fu la “lotta per le investiture” e la riforma ecclesiastica affrontata con notevole coraggio da Ildeprando, papa Gregorio VII° ( 1075) . Egli proclamò riforme in ogni dove , bandì guerra contro i potenti , per la simonia delle investiture . Gran parte del clero però , tra cui il vescovo Trasmondo ( uno della Casata dei Berardi) defezionò . Il papa Gregorio VII° subì persecuzioni ,sofferenze, calunnie , pericoli di vita ; morì in esilio (1085) a Salerno . L’imperatore Enrico IV° fu il suo principale nemico , come uomo e come re . Dopo la scomunica , coperto del cilicio , si recò a Canossa a chiedere pace e perdono . Ma i figli Corrado ed Enrico gli si ribellarono . Enrico gli tolse il regno . In seguito Enrico V° , detto “lo Sterminatore d’Italia” , si sottomise al papa nell’anno 1122.

I Normanni conquistavano l’Italia con Roberto il Guiscardo , Puglia , Calabria e ricevette il titolo di Duca di queste Regioni dal Papa Nicola II°. In Sicilia per liberarla dagli infedeli Greci e Saraceni , Roberto fu il paladino della Santa Sede . Suo fratello minore Ruggiero conquistò la Sicilia nell’anno 1072 e la liberò dalla schiavitu’ dei Musulmani . Egli tenne per sé solo Palermo e Messina . Nel secolo XI° i normanni si trovavano alle porte della Marsica ; i De Berardi erano preoccupati poiché essi calpestavano ogni diritto con le loro oppressioni e disponevano a loro piacimento le terre che occupavano trattando da subalterni i loro Baroni . I Conti dei Marsi si rifugiavano sotto “le ali del perdono di Dio” e partecipavano alle prime Crociate , con Rainaldo , al comando di Boemondo (1093) .

BERARDO VI°. Si conoscono di lui due donazioni ; la prima del 1096 insieme con sua madre Gemma alla Chiesa di San Cesidio in Trasacco e la seconda del 1098 , in cui si scrive che donò all’Abbazia di Cassino la Chiesa di San Martino nei pressi del Lago Fucino . .

Gli imperatori Enrico IV° e V° non si occuparono piu’ della Contea dei Berardi  e non poterono arrestare l’avanzata dei Normanni in questo territorio  . Nel 1125 ad Enrico V° succedette Lotario II° di Sassonia che , chiamato da Roberto di Capua e dalle lagne di tanti baroni oppressi, scese in Italia nell’anno 1137 con un grande esercito contro Ruggiero che era succeduto al Duca di Puglia Guglielmo .  Il papa Innocenzo II° incoraggiò la spedizione di Lotario contro Ruggiero , che parteggiava per l’antipapa Anacleto II° . Ruggiero fu costretto a rifugiarsi in Sicilia . A Lotario successe Corrado III° di Franconia  . Ruggiero ritornò nel continente (in Italia)  .

La “pace” dei Berardi :—-In circa duecento anni di donazioni fatte a conventi da parte dei Berardi , si capisce come quei conti fossero stati molto religiosi , ma non dimenticarono neppure di essere dei despoti e ricordavano ai monaci il loro ascendente . La proprietà monastica nella provincia dei Marsi era molto cospicua , essa poteva formare uno stato ; era libera , indipendente e a sua custodia non c’erano armi e armati , ma l’universale venerazione . I monasteri però si trovavano alle prese con feudatari potenti e forti e i monaci (temibili anch’esse sia per le importanti relazioni che avevano e sia per la loro forza morale di cui disponevano ) riuscivano quasi sempre ad ottenere il loro intendimento .

I monasteri piu’ importanti della Marsica erano quello di Santa Maria in Luco e quello di Santa Maria in Cellis in Carsoli , entrambi dotati di Castelli , chiese coorti, privilegi e diritti , case e terreni . Le nostre contrade apparivano fantastiche : monti boscosi ed inaccessibili , pianure e valli in gran parte deserte ed incolte , sentieri aspri e difficili , piccoli borghi che prendevano il nome dalla loro chiesetta . Di tanto in tanto allo sguardo del viandante si offrivano mura merlate , innestate sopra roccie inaccessibili : erano torri e rocche circondate dal silenzio .Ai piedi di quelle fortezze si adunavano , come ricoverati ,bassi e tristi abitazioni , in cui gli abitanti menavano vita disagiata e circoscritta a non piu’ dello  spazio di quello che si vedeva. Quanta sottomissione c’era nei confronti dei loro signori! .Quanta paura li circondava! .Quanti torti , stenti e sofferenze si consumavano in silenzio ! .Il sospetto , l’arbitrio regnavano sovrani , li rendevano timidi , trepidanti . I loro “padroni “ commettevano reati a piu’ non posso che restavano impuniti . Queste miserie portavano  con serenità nella fede indiscussa in Cristo ,nel credere di poter raggiungere un dopo , nell’oltretomba , una vita migliore per il compenso alle sofferenze terrene . Nel fortilizio piu’ alto viveva il feudatario : solingo , con la moglie ed i figli ,lontano dal volgo , austero , sospettoso , temuto ed ubbidito . Da fanciullo non era  abituato al vivere socievole ,non era  mai contrastato . Egli sin da giovane non temeva rimproveri , ma acquistava un carattere capriccioso ,orgoglioso , fiero , stravagante . Nella Marsica c’erano i Castelli di Luco , Paterno ,Colli di Monte Bove , Albe , Rosciolo , Celano ,Trasacco  ;Pereto , Pescina ..e molti altri . I Conti dei Marsi ebbero residenza sia nello Spoletino che in Marsi  , la loro Casata fu chiamata dei Gran Conti  perché di sangue reale ( da Carlo Magno) ed investita di una vastissima Contea . Secondo lo storico Zazzara il suo stemma era di sei monti verdi , uno sull’altro , in un campo col sole . Il Giaconi invece scrive che lo stemma dei Berardi era tagliato orizzontalmente da una fascia con nel mezzo la lettera Z .

IL celebre Monastero di Apinianici al tempo dei Berardi era ricchissimo : possedeva estese terre insieme a ville e chiese  , come si legge da un elenco fatto redigere dall’abatessa Ermengarda con il numero dei servi e serve nella Valle del Flaturno ( anno 874 d.C.). I Baroni , che non avevano potestà sui monasteri , cercavano in tutti i modi di assorbirli . Il monastero di Apinianici  dipendeva da quello di San Vincenzo al Volturno , ma le monache pretendevano di esserne liberate . Ciò faceva comodo al Conte Rainaldo senior , che le appoggiava in questa loro richiesta .  Nell’anno 968 venne nella Marsica il Duca-Marchese Pandolfo per decidere fra l’Abate Paolo che presentò un libro in cui reclamava la proprietà del monastero di Apinianici a quello di San Vincenzo al Volturno . Per contro l’abatessa Ermengarda sosteneva che da secoli il monastero era stato libero ed indipendente . Fu data ragione all’Abate  , che venne reinvestito di tutti i suoi diritti . Ma le monache continuarono a disporre a loro piacimento del monastero . L’abate ricorse allora all’imperatore Ottone I° che , con il Placito tenuto personalmente nei pressi di Marsi, rinvestì di nuovo l’abate del Volturno del possesso sul monastero di Apinianici . Il conte Rainaldo occupò il monastero , per cui si tenne un altro placito nel 981 con Ottone II°, che lo restituì alle suore . Rainaldo restò malcontento , perché quei campi e quei sevi del monastero gli facevano molto comodo . Egli stipulò con l’abate Goffredo una enfiteusi temporanea . Nel 990 l’abate del Volturno chiese all’imperatrice Teofonia , madre di Ottone III°, la conferma del giudizio dei suoi predecessori . Ma il conte Rainaldo giunse ad una risoluzione radicale ; fece invadere il monastero , fece cacciare le monache e violò la clausura , cosa ben grave per quei tempi . L’abate andò a Roma nel 997 , durante l’incoronazione di Ottone III° , accusando il Conte Rainaldo del fatto . A Roma ci fu il giudizio , di fronte a due vescovi: Rainaldo fu costretto a reinvestire l’abate del Volturno nel monastero di Apinianici , con la promesse di proteggere il monastero . L’anno dopo il Conte Rainaldo stipulò con la Badessa Teuza , con il consenso dell’abate . un’enfiteusi di 29 anni sui terreni e i servi che lavoravano nella valle del Flaturno del monastero di Apinianici . Con il tempo il monastero di Apinianici , per le molestie e le angherie subite dai gran Conti dei Marsi iniziò a decadere ed a sparire .

ODERISIO :–    Figlio di Oderisio Conte dei Marsi , entrò molto giovane nel monastero di Cassino . Fu di indole docile , modello di vero monaco per la costante e scrupolosa osservanza delle regole monastiche . L’abate Desiderio lo nominò prefetto del monastero . Fu ordinato Cardinale-Diacono nel 1060 in Laterano dal papa Nicolò II°. Desiderio abate volle , sul punto di morte , nominare Oderisio Abate di Cassino , carica che tenne per piu’ di diciotto anni . Ampliò il monastero e vi fece costruire accanto l’ospedale . Dal papa Urbano II° ottenne il privilegio generale della libertà non solo del monastero di Cassino ,ma anche di tutti quelli ad esso soggetti ,insieme con i loro possedimenti .

TRASMOMDO :- Era il fratello di Oderisio , entrò nel monastero di Tremiti . Si distinse nello studio delle lettere e della filosofia  . Fu in seguito nominato abate a Cassino . L’arcidiacono lldebrando lo difese , nella tensione che si era creata con alcuni monaci ribelli e lo fece trasferire all’abbazia di San Clemente a Casauria e Trasmondo in seguito divenne Vescovo di Valva . Chiamato a Roma dal papa Alessandro II° ,fu nominato Cardinale nella chiesa del Laterano . Il suo successore ,Gregorio VII°  , per i suoi meriti lo nominò arcidiacono della Chiesa di Santa Maria in Dominica , a Roma . Trasmondo , non si sa per quale motivo ,nell’anno 1080, abbandonò la sua sede episcopale , forse seguace degli scismatici in quegli anni di lotta per le investiture . Il papa Gregorio ne restò molto dispiaciuto e lo fece chiamare  , lo inviò presso il monastero di Cassino in attesa del suo giudizio .Trasmondo non ubbidì al papa e si schierò con l’antipapa . Voleva continuare ad essere il vescovo della sua Diocesi : il papa scrisse ai maggiorenti della Diocesi di non portare ubbidienza al loro vescovo , considerandolo come un intruso e togliendogli i beni della chiesa che fece amministrare dal suddiacono Giovanni .Questa separazione di un primate della Chiesa , distintosi per nobiltà e dottrina , fece grande impressione ; se ne avvantaggiò il partito scismatico . Nel concilio dell’anno mille , il papa Gregorio minacciò di deporre l’imperatore Enrico IV° , confermando l’elezione di Rodolfo e reiterò la scomunica contro gli usurpatori delle investiture ecclesiastiche , tra cui anche Trasmondo . Egli si pentì e si ritirò nel monastero di Cassino  , rinunciando al Vescovado . Trasmondo dovette stare vicino ad importanti uomini di partito , da quì l’ambizione , le lusinghe sobillatrici e la scarsa fermezza del suo carattere , lo allontanarono dai sani princìpi ricevuti da giovane . Condusse invece una vita inquieta e travagliata . Durante il suo vescovado egli fece costruire la Cattedrale di Valva (Corfinio) .

TEODINO :- Era figlio di Berardo V° Conte dei Marsi . Entrò giovane nel monastero benedettino di Rieti . Papa Alessandro II° lo volle a Roma e lo nominò cardinale diacono nella Chiesa in Laterano e dopo Arcivescovo della città di Roma .

BERARDO :- La sua vita è stata scritta da Giovanni da Segni : fu ritrovata fra antiche carte nella Chiesa di Trasacco e ritrascritta da Fernando Ughelli  . Suoi genitori furono Berardo VI° Conte dei Marsi e Teodosia , nacque nel Castello di Colli di Monte Bove . Per alcuni atti di pietà , sin da fanciullo , destava ammirazione in tutti . Si presagiva che sarebbe diventato molto importante . Studiò per otto anni nel monastero di Cassino. Fu chiamato a Roma dal papa Pasquale II° , che lo insignì della dignità di suddiacono e nominato governatore della Campagna . Nel suo esercizio “ era amato da tutti , non come si voleva bene ai Conti , ma come un propugnatore della verità ed un apostolo della carità”. Odiato dai Baroni , fu richiamato a Roma ; fu nominato cardinale diacono di S. Angelo , dopo cardinale prete di S. Crisogono . Infine fu consacrato Vescovo e gli fu assegnata la Diocesi dei Marsi . Quello che fece durante il suo episcopato è stato scritto dal suo biografo Giovanni da Segni e può essere così riassunto : “distrusse la simonia , separò le parentele , soccorse i poveri , difese i fanciulli e le vedove ….estirpò tutti i vizi..” . Dopo venti anni di questo santo ed operoso ministero , morì dopo aver predetto il giorno e il mese della sua morte . Fu canonizzato santo ed è Patrono della Diocesi dei Marsi .

GERARDO . Fu monaco a Cassino , quando c’era l’abate Desiderio . Nel 1111 fu eletto abate proprio del monastero di cassino , al posto di Brunone. Fu acerrimo propugnatore dei diritti dell’Abbazia  ; ottenne dal papa la conferma della sua libertà .

ODERISIO . Era il figlio del Conte Oderisio de Sangro .Fu monaco a Cassino . Studiò le lettere e le scienze e divenne ottimo oratore e scienziato . Fu nominato Cardinale diacono nella chiesa in Laterano dal papa Pasquale II°.  Nel 1123, dopo la morte di Gerardo , fu nominato abate a Cassino . Dopo tre anni il papa Onorio II° lo destituì perché il Conte Adenulfo aveva rancori contro di lui . Oderisio non ubbidì e fu scomunicato insieme con i monaci suoi solidali . Nacqueo discordie e lotte sanguinose ; alcuni monaci furono uccisi e molti dovettero fuggire .

LEONE OSTIENSE o Marsicano :–Fu cardinale –vescovo di Ostia . Il suo stemma fu quello dei Gran Conti dei Marsi  . A quattordici anni entrò nel monastero di cassino, durante il periodo dell’Abate Desiderio . Fu maestro di “ Disciplina Religiosa”. E’ famoso per essere stato uno dei piu’ dotti ed eruditi del suo tempo e si intendeva di affari . Fu consigliere di molti papi e dei monaci di cassino .Papa Pasquale II° lo nominò Cardinale Vescovo di Ostia . L’Abate Oderisio lo incaricò di scrivere la Storia del Monastero di Cassino : fu scrittore integerrimo e molto veritiero .

 LA MARSICA sotto i NORMANNI

Da quasi cento anni i Normanni erano riusciti a fondare una bella Monarchia a Napoli . La Marsica chiese il consenso del papa Onorio II° per essere governata da un Re . Innocenzo II° , conoscendo la furbizia ( come una volpe )di Ruggiero ,non voleva ciò . Il papa fu sconfitto in battaglia e fatto prigioniero . Ma Ruggiero , pretendendo il titolo di Re , gli si inginocchiò . Ottenne così l’investitura per il Regno di Sicilia , con il giuramento di fedeltà alla Santa Sede e con un tributo  annuo di 600 monete d’oro per la Puglia e la Calabria . A Ruggiero mancava l’annessione della Provincia dei Marsi  . Affidò questo compito a suo figlio Anfuso , che era Principe di Capua ,nell’anno 1140 .  La conquista durò molti anni . Il Normanno si fermò alle porte della Marsica , dove oltre al valore militare di quel popolo , gli si sarebbe opposto anche il volere del Papa . Il re in persona andò a Cassino nel 1142 e chiese la resa che gli fu accordata , come scrisse un monaco :-“terra Marsorum se regi traditit “. Non si conoscono le condizioni della resa , per certo i baroni e i Conti non ne furono entusiasti ..

Nell’anno 1154 morì il Re Ruggiero , suo figlio Guglielmo I° chiese a papa Adriano IV° la conferma dell’Investitura che gli fu negata . Scoppiò la guerra , che finì male per il Pontefice : nel 1155 venne firmata la pace con questa clausola , consegnati tre stendardi , di cui uno marso , al Re normanno .

Il paese dei Marsi , secondo il Codice provinciale , comprendeva il territorio reatino, forconese , valvese ,teatino ,amiternino , pinnese e marsicano . I normanni cancellarono il feudalesimo , con l’unificazione di tutta l’amministrazione al Regno . Si dispose dei grandi feudi come vollero ,sotto il loro volere grandi circoscrizioni presiedute da contestabili ( Capitanerie ) o da giustizieri ( Giustizierati) . In Marsica , nel 1187 , il Re Guglielmo II° il “Buono” , fece compilare il Catalogo dei Baroni del regno , per conoscere il numero dei soldati che potevano servire per le Crociate in Terra Santa . Il territorio descritto sopra venne chiamato “Principato dei marsi”, che faceva parte di una grande Contestabulia presieduta dal Conte Boemondo . La Marsica fu chiamata Valle Marsi , i suoi confini furono ad oriente del lago Fucino fino a Collelongo , a nord-est fino ad Aielli ed Ortona compresi , ad ovest tutto il carseolano e a sud-est tutta la Valle del Liri fino a Balsorano . Allorchè giunsero i normanni , il contado di Berardo VII° subì profondi mutamenti .

IL Conte Rainaldo di Celano teneva in servitu’Celano ,Foce, Aielli,Pescina , Venere , Vico in Marsi , Goriano Sicolo  di Valva , Aschi ed Ortona “, San Sebastiano in Marsi , Cocullo e Molino in Valva .

Rainaldo , Berardo e Ruggiero furono i discendenti dei Gran Conti dei Marsi . Rainaldo fu il feudatario capo , un valvassore maggiore ( ovvero signore libero ) durante il Regno normanno . Sotto i franchi-germani ebbero una dipendenza piu’ di nome che di fatto . I lontani imperatori non li controllavano . Sotto il dominio normanno , spogliati del loro feudo ,divennero dipendenti e gravati da servizi . Persero il titolo di Conti dei Marsi e d assunsero quello dei castelli dove risiedevano : Rainaldo di celano , Berardo e Ruggiero di Albe .

Altri feudatari riportati nel catalogo dei baroni furono i De Ponte , affini ai De Berardi .

Caino (Teodino) De Ponte aveva Marano , la metà di Scurcola Marsicana , la quinta parte di Tremonti , la quinta parte di pereto .

Il fratello Rainaldo ( De Ponte) aveva la metà di Scurcola , la quinta parte di Poggio Cinolfo  ed la quinta parte di Tremonti .

Bonaventura di Tagliacozzo fu il figlio di Berardo e parente del papa Clemente III°. Aveva Tagliacozzo ( per dominio del Re), la metà di Castellafiume , la quinta parte di Poggio , di Tremonti e di Pereto.

AVEZZANO fu tolto ai De Berardi ; formò un feudo a sé . Al tempo dei Normanni ebbe come Signori Taddeo Gualtieri , Baldassarre ed Ettore .Nel 1182 si sa della Sentenza della Curia di Capua con la quale il Vescovo dei Marsi recuperò alcuni beni usurpati da Gentile , che era Conte di Manoppello , fratello di Gualtiero Arcivescovo di Palermo . Quando morì la regina Costanza , che era vedova di Enrico Hohenstaufen  di Germania ,figlio dell’Imperatore Federico , nell’anno 1198 , finì la dinastia dei Normanni .

Costanza lasciò per testamento il regno a suo figlio Federico , che aveva tre anni , con a balia il papa Innocenzo III° . Il papa era della famiglia Conti di Roma , dotto e profondo scrittore di etica  . Egli affidò l’educazione di Federico al dotto Cardinale Cenci , che divenne poi papa Onorio III° .

LA MARSICA SOTTO GLI SVEVI

PIETRO di Celano :-  E’ stato un personaggio molto importante : operoso , esperto , diventò il piu’ grande barone del Regno . Ebbe in dotazione i due contadi ( di Albe e di Celano ) riuniti . Nell’anno 1192 il re Enrico , durante la guerra contro Tancredi Conte di Lecce delle Puglie , passò attraverso le terre in Marsica ,da Pietro di Celano ( Berardi ) , suo fedele. .Dopo la morte di Tancredi , Re Enrico tornò in Italia da vincitore ed andò a Palermo ; Il Conte Pietro lo avvertì con una lettera , di stare in guardia per una congiura contro la sua persona .. Alla morte del re Enrico , la regina Costanza si fece aiutare da Pietro Berardi di Celano per far uscire dall’Italia i tedeschi , odiati dal popolo , in special modo il loro capitano Marcovaldo . La regina Costanza affidò a Pietro un altro importante incarico , insieme con Bernardo conte di Loreto . Mentre ella rientrava in Italia dopo la morte di Manfredì , partorì un figlio di nome Federico , che fu lasciato al Duca di Spoleto . Nel 1197 , calmatesi le acque , Pietro da Celano e Bernardo , accompagnarono a Palermo il fanciullo di tre anni ( Federico ) . Nel 1198 madre e figlio furono incoronati con l’investitura di papa Innocenzo III° , con la conferma del tributo da parte di Puglia e Calabria di 600 monete d’oro e per la Provincia Marsi di 400 monete annue . . Costanza morì nello stesso anno 1198 e Marcovaldo ,radunato un esercito molto numeroso , per riprendersi la corona , si spinse nel regno , aiutato dal tedesco Diopoldo e da molti baroni . Papa Innocenzo, che era il tutore del fanciullo Re Federico ,mandò degli ambasciatori con molta moneta , al Conte di Celano ed a Riccardo di Teano  , perché si armassero per difendere il proprio Re :  Pietro e Riccardo sbarrarono il passo a Marcovaldo in Terra di lavoro , ma costui schivò lo scontro e si volse a Teano , che occupò . Da li’ si recò a Salerno ed in Sicilia , ma fra Monreale e Palermo dovette ritirarsi .

Diopoldo , di là del Faro , invase San Germano ; l’abate Roffredo si rifugiò , chiedendogli aiuto , da Pietro nella Marsica . Pietro affrontò Diopoldo nei pressi di Venafro  , dove venne sconfitto e dovette salvarsi con la fuga . Suo figlio Berardo fu fatto prigioniero e rinchiuso , nel 1200 , a Rocca d’Arce.

I Tesdeschi prevalevano ed il partito di Federico era scoraggiato . Nell’anno 1201 tornò in Italia il Conte di Brenna , il francese Gualtieri  . Egli , per il suo modo di fare gentile  ,ben inviso agli italiani , veniva chiamato proprio “il Conte Gentile” . Il papa trattò con lui , gli concesse grossi possedimenti e lo incoraggiò per scacciare i tedeschi dall’Italia . Al primo scontro ,Diopoldo fu sconfitto .




Lascia un commento