Il console egiziano in visita alla struttura protetta di Canistro. La coordinatrice: “Il vertice gestionale non è coinvolto nell’inchiesta”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Canistro. Alessandra Palermini, coordinatrice della struttura protetta in cui sono state arrestate due persone, madre e figlio, per maltrattamenti nei confronti dei minori ospiti, fa sapere che:

A proposito degli episodi accaduti nella casa famiglia “L’Isola che non c’è” di Canistro, oggetto di indagine da parte della Magistratura ho premura di precisare che – come confermato dalle stesse fonti investigative – il vertice gestionale assolutamente non è coinvolto nell’inchiesta coordinata dal pm Guido Cocco.

A riprova della estraneità degli operatori a quanto accaduto, nella mattinata di ieri è stato in visita presso la struttura il Console egiziano Sherif Elgammal accompagnato dai suoi collaboratori.

Il Console dopo aver visitato la struttura si è trattenuto a lungo in compagnia degli ospiti minori della comunità e ha voluto ribadire una rinnovata e proficua collaborazione con gli operatori e la direzione della casa famiglia, affermando che quanto avvenuto non deve oscurare il buon nome e l’ottimo lavoro che svolge da anni la Cooperativa sociale  “L’Arca”.

https://www.terremarsicane.it/maltrattamenti-in-una-casa-famiglia-di-canistro-due-arresti/




Lascia un commento