Il Comune di Ovindoli vieta di accendere fuochi all’aperto e di bruciare sfalci e potature



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Ovindoli – Il rischio incendi, nella stagione più calda, è sempre molto alto. Soprattutto in territori in cui gli spazi aperti e verdi sono estesi, come ad Ovindoli, per esempio. Per ribadire che nel territorio comunale è in vigore il divieto di accendere fuochi all’aperto e di bruciare sfalci, potature e altro materiale vegetale, il Comune di Ovindoli ha riattivato un’ordinanza del 2019 che non ha mai subito revoche.

Nel dispositivo, firmato dal Sindaco Simone Angelosante, si chiarisce che l’accensione di fuochi è consentita, su appositi bracieri o barbecue, solo in aree e cortili privati di pertinenza dei fabbricati, adottando le necessarie cautele.
Il fuoco deve essere sempre custodito e coloro che lo accendono vengono considerati personalmente responsabili degli eventuali danni che dal fuoco potranno derivare.