Il Comune di Civita d’Antino si unisce ad altri 107 Comuni contro i rincari dei pedaggi autostradali in A24 e A25



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Civita d’Antino – Quella del Comune di Civita d’Antino è una presa di posizione forte e determinata. L’amministrazione comunale del paese marsicano, infatti, ha deciso di unirsi attivamente e categoricamente alla mozione sostenuta da altri 107 Comuni, tra Abruzzo e Lazio, che chiedono di bloccare i costi dei pedaggi autostradali in A24 e A25.

I possibili rincari annunciati da Strada dei Parchi per il 2022 sono al centro di innumerevoli polemiche da parte delle istituzioni locali, degli amministratori e, soprattutto, dei comuni cittadini. Molti sono i cittadini marsicani che sono costretti a viaggiare lungo l’A24 e l’A25 per lavoro o per motivi di altra natura.

Il possibile aumento del costo del pedaggio lungo le autostrade che attraversano l’Abruzzo, come scrivono gli amministratori di Civita d’Antino, avrà un impatto negativo anche per quanto riguarda il turismo locale, senza contare, si legge nella nota, “che i servizi offerti da codesto tratto autostradale non sono proporzionali ai prezzi richiesti“.