Ex Sindaco chiede elemosina per protesta davanti al Tribunale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – E’ stato condannato dal Giudice di Pace di Avezzano, Giulia Sorrentino, al pagamento di 8 mila euro di multa per aver diffamato un ingegnere. E ora Paolo Fantauzzi, ex Sindaco di Civita D’Antino ed attuale consigliere comunale, in segno di protesta si è recato questa mattina davanti al Tribunale di Avezzano per chiedere l’elemosina.

Fantauzzi, all’epoca Primo Cittadino del Comune rovetano, nel corso di un consiglio comunale aveva attaccato un ingegnere sostenendo che stava boicottando i lavori del Comune. Per queste parole, è stato denunciato e condannato dal giudice di Avezzano.

Attualmente, Fantauzzi riferisce di avere i conti correnti bloccati e, proprio per questo, si è reso protagonista del  gesto.

Sulla protesta interviene l’avvocato dell’ingegnere. «Con sentenza che risale al 24 giugno 2015, il signor Fantauzzi veniva condannato al risarcimento del danno in favore del mio assistito», spiega il legale Maurizio Colaiacovo, “nel corso di un consiglio comunale, questi rendeva dichiarazioni ritenute dal tribunale lesive del decoro e dell’onore del mio cliente. La sentenza di primo grado è immediatamente esecutiva. Nonostante gli inviti al pagamento bonario, Fantauzzi non ha provveduto. Peraltro abbiamo atteso invano mesi prima di mettere in esecuzione la sentenza, proprio per dargli la possibilità di provvedere ad ottemperare a quanto stabilito. Su incarico del mio cliente procedevo a notificare, a mezzo dell’ufficiale giudiziario al fine di procedere al pignoramento del quinto dello stipendio, come previsto dalla legge. Nessuna responsabilità del mio assistito per iniziative relative a paventati blocchi di conto corrente ma, semplicemente, si è agito nel rispetto di una sentenza. Il mio assistito preannuncia che tutelerà i suoi diritti nelle competenti sedi giudiziarie nei confronti dell’autore delle dichiarazioni”.

 

 




Lascia un commento