Dissuasione e autodifesa, lo spray al peperoncino arriva in dotazione a poliziotti e carabinieri



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica. Anche i carabinieri e i poliziotti marsicani si preparano all’utilizzo dello spray al peperoncino come strumento di dissuasione e autodifesa.

Sono iniziati i corsi di informazione e formazione che tra poco prepareranno agenti e militari all’uso dello spray già oggetto di sperimentazione dal 2014 con la verifica dei rischi alla salute effettuate all’istituto Superiore della Sanità.

Si tratta di un nebulizzatore il cui principio attivo naturale è a base di oleoresin capsicum, cioè un estratto di peperoncino, con una concentrazione non superiore al 10 per cento.

L’erogazione della capsaicina provoca un’immediata riduzione della capacità di reazione del soggetto aggressore: agisce sulla capacità visiva, sulla respirazione, sulla pelle e sulla coordinazione motoria, a seconda del soggetto.

Lo spray sarà utilizzato in particolari circostanze e per questo sono partiti i corsi di formazione all’utilizzo.




Lascia un commento