Corsi di TAE KWON DO!!!



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

AZZURRA FIT VILLAGE presso le palestre di S.Benedetto dei Marsi e Trasacco organizza i corsi di TAE KWON DO!!!

La traduzione letterale di Taekwondo è : “L’arte di calciare e di colpire di pugno”. Infatti, “tae” significa calciare, “kwon” significa colpire di pugno e “do” significa arte. Tale traduzione è però limitativa in quanto “do” in coreano implica anche un concetto di natura filosofico-comportamentale, o più semplicemente uno stile di vita che permette di raggiungere una più approfondita conoscenza di se stessi e, in definitiva, rappresenta lo scopo ultimo del Taekwondo. A livello mondiale è una delle arti marziali più diffuse con oltre 20 milioni di praticanti in ben 140 nazioni. Grazie a tutto ciò, il TAEKWONDO è stato incluso come sport dimostrativo alle olimpiadi di Seoul nel 1988 e di Barcellona nel 1992, per entrare definitivamente come sport olimpico effettivo nelle olimpiadi di Sydney nel 2000. Nel dicembre dello stesso anno ottiene il riconoscimento di disciplina olimpica permanente. Oggi il Taekwondo, in Italia, è in continua ascesa con oltre 350 società e 14000 tesserati e con la FITA, (Federazione Italiana Taekwondo) ha ottenuto il riconoscimento di federazione sportiva nazionale del Coni.

I VARI ASPETTI DEL TAEKWONDO

si possono identificare 3 attività, che pur integrandosi tra di loro armoniosamente, danno luogo a diversi modi di intendere il TAEKWONDO. Il primo aspetto è sicuramente quello del COMBATTIMENTO che vede prevalere l’aspetto tattico, agonistico. Gli atleti, opportunamente dotati di protezioni e con un regolamento adeguato, disputano incontri con un regolamento simile al pugilato in cui si può vincere sia per punti, sia per K.O., evento peraltro molto raro. E’ soprattutto grazie a questo tipo di regolamento che salvaguardia l’incolumità degli atleti e ne esalta le caratteristiche spettacolari, che il TAEKWONDO ha ottenuto il riconoscimento di sport olimpico. Secondo aspetto è quello relativo alle FORME, che altro non sono che l’esecuzione di sequenze di movimenti prestabiliti di fronte ad avversari immaginari. Con questo esercizio l’atleta affina le proprie capacità tecniche e di concentrazione ed anche un combattente trae vantaggio dalla pratica delle forme. Terzo ed ultimo aspetto riguarda la DIFESA PERSONALE dove si imparano ad utilizzare le tecniche di braccia e di gamba, al fine di fronteggiare uno o più avversari durante un’ipotetica aggressione. In questi casi si utilizza tutto il bagaglio tecnico del TAEKWONDO, cosa che non è ammessa nel combattimento sportivo, per ovvie ragioni di salvaguardia dell’incolumità dei 2 atleti. Si hanno quindi tutta una serie di tecniche che utilizzano leve, proiezioni, colpi ai punti vitali e naturalmente tutte le tecniche di gamba tipiche di quest’arte marziale.

Come in tutte le arti marziali, esiste una suddivisione dei praticanti in cinture dalla Bianca alla Nera, e a seconda del grado vengono insegnate tecniche e praticate diverse attività per giungere in modo armonioso alla comprensione del Taekwondo. Anche la preparazione fisica ha un ruolo determinante nella pratica del Taekwondo, il corpo deve essere agile, flessibile, ed allo stesso tempo resistente; inoltre ogni praticante attraverso gli esercizi di preparazione arriva a comprendere meglio il proprio corpo, a vederne i limiti e le potenzialità. Prova gratuitamente il mese di gennaio!I corsi saranno tenuti dal TEAM Di Venanzio, istruttori di esperienza e riconosciuti dalla Federazione Italiana Taekwondo.

 




Lascia un commento