Coordinamento dei sindaci e amministratori civici e progressisti nella Marsica: le sfide del futuro



Tagliacozzo – Sindaci marsicani a lavoro per costituire una forza civica, moderata e progressista, che possa affrontare e dare soluzioni alle tante importanti questioni del territorio.
Circa venti sindaci e amministratori di area civico-moderato-progressista, si sono riuniti a Tagliacozzo, con il primo cittadino della località turistica marsicana, Vincenzo Giovagnorio.

Al centro del costruttivo incontro, i temi prioritari per la Marsica. In primo piano, quindi, le questioni della Sanità, le Z.E.S. (Zone Economiche Speciali), le infrastrutture essenziali, a partire da quelle viarie e ferroviarie come autostrade e i collegamenti con Roma e Pescara; lo sviluppo di industria e commercio, ma anche questioni relative al Tribunale e alla pari dignità della Marsica nella nostra Regione.

L’intento dichiarato dei sindaci riunitisi a Tagliacozzo, infatti, è quello di riportare la Marsica ad essere compartecipe dei tavoli decisionali della Provincia e della Regione, oltre a tutelare i presidi e i servizi pubblici presenti, nonché a sviluppare i punti di forza. Altro scopo dell’incontro, fortemente legato ai temi politici e amministrativi esposti, è stato quello di portare avanti, allargare e rafforzare il progetto “Provincia in Europa” che, lo scorso dicembre, vide il Sindaco Vincenzo Giovagnorio candidato alla carica di Presidente della Provincia dell’Aquila.

In quell’occasione non venne conseguita la pronosticata vittoria, ma la formazione moderato-civico-progressista che sostenne Giovagnorio si arrestò alla considerevole cifra del 47% dei consensi.

Un’esperienza che tutti i presenti hanno dichiarato di voler proseguire e potenziare e questo al fine di creare una forza territoriale che, contrapponendosi a sovranismi e ad una visione penalizzante della politica regionale e provinciale, abbia la forza e le competenze per far valere le ragioni dei marsicani e di un territorio dalle mille potenzialità, troppo spesso limitate e umiliate.

Il coordinamento di amministratori si doterà di una struttura tecnica, di servizio, assistenza e formazione e organizzerà iniziative, anche con interlocutori nazionali, finalizzate a sostenere le Amministrazioni comunali nelle numerose problematiche che, specialmente in quest’ultimo periodo, stanno incontrando sia per il rincaro dell’energia, sia dei materiali per i cantieri delle opere pubbliche.

Una forza politica, quindi, che pone al centro della sua azione, anche in vista dei futuri appuntamenti elettorali e non solo, le questioni concrete e strategiche per il territorio marsicano, nonché la loro soluzione, avendo come unica barra quella del bene collettivo e non quello di parte.

Coordinamento dei sindaci e amministratori civici e progressisti nella Marsica: le sfide del futuro
Coordinamento dei sindaci e amministratori civici e progressisti nella Marsica: le sfide del futuro



Leggi anche