Casi anomali di mortalità di bovini al pascolo, a Pereto applicate misure urgenti di gestione e profilassi



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Pereto – Il Servizio di Sanità Animale del Dipartimento di Prevenzione della ASL 1 comunica che nel territorio di Pereto, a seguito di controlli effettuati con la Polizia locale su alcuni capi di bovini rinvenuti morti e su altri con sintomatologia febbrile, si ritiene che sia in corso una forma di piroplasmosi trasmissibile che può comportare una rilevante mortalità tra gli animali della stessa specie.

La malattia, secondo la nota della ASL 1, viene trasmessa da zecche con probabili complicazioni sostenute da clostridi che non rientra tra le malattie denunciabili. In attesa di acquisire altri dati, tutti gli allevatori che usano il pascolo devono essere informati e devono usare precise prescrizioni: gli animali devono essere controllati ogni giorno e ogni nuovo caso di mortalità deve essere segnalato inoltre ogni allevatore, dopo aver consultato il veterinario di fiducia, provvederà a sottoporre a terapia gli animali malati e ad applicare il trattamento preventivo di disinfestazione per le zecche su tutti i bovini di sua proprietà.