Cane da pastore Abruzzese, approvata mozione di Quaglieri e Testa per la tutela del valore storico territoriale della razza canina



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – E’ stata approvata all’unanimità, in data 30 novembre, dalla 5° Commissione regionale d’Abruzzo, la mozione, a firma dei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Mario Quaglieri e Guerino Testa, “a sostegno del cambio del nome della razza canina da Pastore Maremmano – Abruzzese a Pastore Abruzzese.

Un provvedimento che prende il la da una precisa volontà dell’Assemblea Circolo del Pastore Maremmano Abruzzese C.P.M.A., che richiedeva un cambio di denominazione della razza in “Abruzzese”, in modo tale da renderla maggiormente rispondente alla sua storia e alla sua originalità.

Si è, pertanto, ritenuto di dover impegnare il Presidente della Giunta regionale ad attivarsi nei confronti del Ministero competente e dei soggetti preposti in materia al fine di sostituire l’attuale denominazione della razza “Cane da Pastore Maremmano – Abruzzese” in “Cane da Pastore Abruzzese”, tutelando così finalmente il valore della razza canina e la sua identità storico – territoriale.

C’è soddisfazione per l’approvazione di questa mozione a firma dell’amico Mario Quaglieri – afferma il consigliere provinciale con delega alla viabilità e all’edilizia scolastica Gianluca Alfonsiperché va non solo a riconoscere la specificità di una razza canina che da sempre è vanto del nostro Abruzzo, ma soprattutto perché va a premiare l’operato dei tanti pastori ed allevatori abruzzesi che preservano la purezza di questo nostro animale, noto per le caratteristiche di assoluta dedizione al lavoro e fedeltà”.

Un plauso all’iniziativa proviene anche dal consigliere comunale di Avezzano e responsabile per l’Abruzzo di Nazione Futura, Nello Simonelli, che ricorda come “il Cane da Pastore Abruzzese è, anche dal dato della legge, patrimonio culturale della nostra Regione, per cui questa mozione va nel senso di un pieno riconoscimento di un elemento di forte identitarietà della nostra terra”.

Comunicato stampa