Tante Risate e un monito finale allo spettacolo al Talìa



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Gran successo per lo spettacolo “uomini sull’orlo di una crisi di nervi”, in scena ieri sera al Talia, interrotto da molte pause per applausi spontanei e risate forsennate del pubblico.

Si tratta di una commedia scritta da Alessandro Capone e diretta da Rosario Galli, già precedentemente portata in scena a partire dal 1993, da cui è stato realizzato un film ed una versione televisiva. Nei ruoli dei quattro protagonisti maschili in scena: Federico Perrotta (Nicola), Andrea Carli (Gianni), Salvatore Mincione (Pino) e Ferdinando Smaldone (Vincenzo) mentre il ruolo della protagonista femminile (Yvonne-Giulia) è interpretato da Valentina Olla.

Una  commedia divertente e allegra, dai ritmi veloci e comici, con un tocco di napoletano che non disdice. La consueta partita di poker, i soliti problemi, mogli ed ex mogli, tasse, bollette, discussioni…. poi l’Idea: investire la somma che solitamente perdono giocando, per una “signorina” che li consoli e rallegri la serata. Inizia quindi la ricerca, finchè arriva Yvonne.

Piacevolissime le piccole sorprese inserite dagli attori nell’interpretazione, con una citazione dei paesi della zona e il successivo coinvolgimento del pubblico della prima fila in un ballo.

Al termine dello spettacolo, tra ringraziamenti e applausi, racconti di precedenti visite a Tagliacozzo e esaltazioni dell’abruzzo, Federico Perrotta, che si dichiara “abruzzese fiero”, esorta tutti i presenti ad invitare altre persone a teatro, sostenere la cultura e a tal proposito rimarca la stagione “fenomenale” pensata quest’anno per il Talìa di Tagliacozzo, ringraziando l’assessore Chiara Nanni e il direttore artistico Federico Fiorenza.

“il sabato sera, venite a teatro per ridere e sorridere insieme, staccarsi dai pensieri pesanti della settimana. Supportate la cultura, è l’unica cosa che ci po’ salvare”.




Lascia un commento