Sorpreso con la droga: domiciliari per El Mansouri



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. E’ stato convalidato dal gip del tribunale di Avezzano, l’arresto dei tre uomini di origine marocchina trovati dai carabinieri della compagnia di Avezzano, a dissotterrare 75 grammi di cocaina, vicino al cimitero di Paterno, la frazione di Avezzano.

Si tratta di Abdellah El Montassir, 27enne, già sottoposto a sorveglianza speciale, regolare sul territorio nazionale, Ahmed El Mansouri, 41enne, irregolare e Tarik Faouzi, 29enne regolare. Per tutti e tre erano stati disposti dal pm di turno, gli arresti domiciliari, un fatto che aveva creato non poche preoccupazioni e perplessità tra i residenti. Il domicilio dei tre, infatti, era stato indicato in via Crispi 48, in un’abitazione in cui già si trovano persone ai domiciliari e altre con restrizioni particolari della libertà, secondo il regime di sorveglianza speciale.

Nello stesso stabile, quando sono arrivati i tre uomini di origine marocchina arrestati nell’operazione dei carabinieri, c’era già un altro connazionale arrestato da carabinieri e forestale mentre cercava di nascondere droga in un casolare di Fucino e un italiano fermato mentre rubava rame in un deposito dell’Enel. Un altro residente è stato arrestato per spaccio ed è stato anche sfregiato con l’acido da un amico che voleva impedirgli di testimoniare a un processo a suo carico, per rapina.

In via Crispi 48, una ventina di persone si divide tre “alloggi”, di cui uno è seminterrato, di pochi metri quadrati. Case che sembrano più piccoli tuguri che altro. Ora Abdellah El Montassir e Tarik Faouzi sono tornati liberi. Nel processo per direttissima ai domiciliari sono stati confermati solo per El Mansouri.




Lascia un commento