“Rapine in corso”: e Striscia La Notizia parla di Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Lecce Nei Marsi – Si torna a parlare della case vendute per contrastare lo spopolamento al prezzo simbolico di 1 euro. A farlo è il noto TG satirico Striscia La Notizia. Nella serata di Giovedì quattro maggio si vede Chiara Squaglia l’inviata di Striscia, incalzare Franco Susi, direttore dell’Agenzia delle Entrate della provincia dell’Aquila, con una serie di domande sulla congruità del costo degli immobili e su come verranno valutate le case da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Il rischio per il cittadino che crede di aver fatto un affare, potrebbe essere quello di divenire oggetto di un accertamento da parte dell’Agenzia, la quale potrebbe dare una diversa valutazione all’immobile con conseguente emissione di una sanzione a carico dell’acquirente.

Durante il servizio del servizio si parla di rassicurazioni per i futuri acquirenti, ma rassicurazioni non ce ne sono, in quanto i casi dovranno essere valutati di volta in volta e, se l’immobile acquistato ad 1 euro non è un vero e proprio rudere, la sanzione sembra assicurata.

Il direttore Susi alla fine suggerisce quella che è la migliore soluzione e cioè, la consulenza giuridica o l’interpello che devono essere fatte in via preventiva rispettivamente dal Comune di Lecce Nei Marsi e dal Cittadino. Nel giro di pochi giorni sarà data dall’Agenzia un risposta utile per l’acquirente e impegnativa per l’Agenzia stessa.

striscia




Lascia un commento