Presentazione del libro sulla Chiesa del Soccorso



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – Sabato prossimo 10 dicembre, alle ore 16,00, proprio nella chiesa della Madonna  del Soccorso, situata nella parte alta della città di Tagliacozzo, verrà presentato il libro: La chiesa di Santa Maria del soccorso, scritto dal professor Gaetano Blasetti.

Si tratta di un piccolo volume nel quale vengono affacciate le ipotesi sulla costruzione di questo luogo sacro. Secondo la tradizione, sembrerebbe che il tempio sia stato fatto edificare  da Carlo D’Angiò, per un voto fatto alla Madonna prima della battaglia contro Corradino di Svevia, sceso in Italia alla riconquista del regno che era stato possesso dei suoi avi, qualora  ne fosse uscito vincitore.

Lo scontro, piuttosto aspro, avvenne il 23 agosto del 1268 nei Piani Palentini nei pressi di Scurcola Marsicana e Carlo D’Angiò ne uscì vincitore a seguito di uno stratagemma suggerito da Aleard de Valery, soldato esperto, compatriota e fedelissimo dei D’Angiò. Tale battaglia è stata immortalata da Dante Alighieri che nel ventottesimo canto dell’Inferno dice ….. e là da Tagliacozzo ove senz’arme vinse il vecchio Alardo.

Questa tesi è sostenuta anche dallo storico Giuseppe Gattinara ma, secondo Blasetti, tale ipotesi non è supportata da documenti certi e, pertanto, sostiene che la stessa chiesa fu costruita come luogo di rifugio e ristoro dei viandanti, poiché situata proprio a ridosso della consolare Tiburtina Valeria che collega Roma con Pescara. Il volume è stato fatto stampare dalla Confraternita di S. Antonio e Madonna del soccorso guidata dal priore Angelo Costantini ed alla presentazione è prevista la partecipazione dell’autore e di padre Attilio dell’Ordine dei Francescani, al quale è stata affidata la parrocchia dopo la scomparsa prematura di Don Aldo De Angelis. Non ha potuto presenziare ilvescovo Pietro Santoro per impegni precedentemente assunti.




Lascia un commento