L’ex Casone di Guardia diventerà un Museo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto dei Marsi – Si è tenuto a L’Aquila, nel Palazzo dell’Emiciclo, l’incontro tra il Presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, ed il Sindaco di San Benedetto dei Marsi, Quirino D’Orazio,  in merito alla richiesta di assegnazione dell’ex Casone di Guardia in uso all’ex Arssa, situato nel comune fucense ed oggi, nonostante un massiccio intervento di ristrutturazione eseguito nel 2006/2007, rimasto in abbandono ed in disuso.

13735375_10201895683071362_1858933912_nDurante l’incontro, il Sindaco ha manifestato la volontà di acquisire e recuperare l’immobile e la corte circostante per adibirlo a Primo Museo di Arte Contadina e/o primo Museo Archeologico dell’Antica città di Marruvium. Il presidente ha accolto con entusiasmo l’idea ed ha inviato una nota sia al Dipartimento delle Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca, sia al Servizio Territoriale per l’Abruzzo Ovest, oltre che al comune di San Benedetto dei Marsi, per comunicare l’accoglimento della richiesta, definendo la proposta del sindaco di ‘notevole interesse per l’intera collettività regionale abruzzese’.

“Portare a termine questa importante operazione – ha dichiarato il Sindaco D’Orazio – rappresenterebbe una grande opportunità per San Benedetto dei Marsi, città che ha moltissimo da offrire, non solo per gli importanti siti archeologici presenti (anfiteatro, strada romana, morroni, portale di S. Sabina, Domus e tanti altri), ma anche perche ha dato I natali ad illustri personaggi, quali Quinto Poppedio Silone, Papa Bonifacio IV, Sabina Santilli, Romolo Liberare, Sebastiano Simboli. Un dono di questa portata non potrebbe che apportare un ulteriore crescita culturale della cittadina marsicana. Ringrazio ovviamente tutti coloro che si stanno interessando della vicenda: il presidente D’Alfonso e il presidente del consiglio regionale Peppe Di Pangrazio.




Lascia un commento