In Abruzzo rischio povertà, calo demografico, basso tasso di nuzialità: dalla Regione 112 milioni di euro per i più fragili



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – Un calo demografico di 42 mila persone nell’ultimo decennio, una minore incidenza delle persone sole pari al 30,5%, al di sotto della media nazionali. Inoltre, un basso tasso di nuzialità e il dato del 30,1% di cittadini abruzzesi a rischio di povertà, un terzo della popolazione complessiva. Sono alcuni degli indicatori emersi dal profilo sociale della regione Abruzzo e presentati alle associazioni di settore e ai sindacati ieri pomeriggio nell’ambito del webinar dedicato al Piano Sociale 2021-2023.

Oltre 112 milioni di euro, tra fondi diretti e indiretti, saranno disponibili per sostenere le attività a supporto delle fasce più fragili della popolazione. “Si tratta di un momento di confronto e di acquisizione delle proposte e dei contributi centrale nella nostra attività” ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali, Pietro Quaresimale, annunciando che nelle prossime settimane saranno avviate ulteriori iniziative, a dimostrazione dello sforzo e della consapevolezza della necessità di superare le criticità presenti in uno degli ambiti più complessi della macchina amministrativa.

Tra i temi discussi nell’incontro il calo demografico, le politiche per la famiglia, la salute, la formazione e l’istruzione, la qualità del lavoro, la parità di genere e la disabilità. Come ha spiegato il dirigente Raimondo Pascale, “In alcuni settori, come il contrasto alla povertà, i finanziamenti sono aumentati significativamente”.

Incrementato anche il Fondo dedicato ai non autosufficienti, che passa da 13 a 17 milioni, e quello per i caregivers. “Grazie a una delibera di giunta appena presentata – ha chiarito Quaresimale – saranno disponibili circa 2 milioni di euro di risorse aggiuntive per migliorare sia in termini di servizi diretti e sussidi le condizioni di queste persone. ll provvedimento attua la legge regionale sui caregivers e integra le risorse per dare una migliore risposta ai cittadini”.

Fonte: Regione Abruzzo