Il Touring Club Italiano e il Consolato Di Opi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Il  28 dicembre 2016, è stato convocato il Consiglio Comunale, che si è tenuto nella sala polivalente, e non nella solita Sala Consiliare e per l’occasione tra i punti da trattare dell’ordine del giorno vi era: “La consegna della bandiera arancione del Touring Club Italiano al Comune di Opi.

Va detto per doveri di cronaca, che la bandiera era stata assegnata già dal 28 novembre 2016, e il 28 dicembre 2016 è avvenuta la consegna ufficiale; aggiungiamo anche che in Abruzzo il Touring Club Italiano ha assegnato negli anni, sei bandiere ad altrettanti paesi che, di seguito riportiamo: Palena , Roccascalegna Lama dei Peligni e Fara San Martino in Provincia di Chieti, Civitella Alfedena e ora anche Opi in Provincia di L’Aquila, mentre all’interno del territorio del Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise la bandiera sventola nei palazzi Municipali di: San  Donato Val Comino (FR),Scapoli (IS), Civitella Alfedena e Opi in Provincia di L’Aquila.

Le bandiere arancioni sono riconoscimenti dati ai Comuni per la loro qualità della vita e la qualità dell’ambiente, che gli abitanti di Opi, hanno saputo ereditare e conservare dagli avi, fino ad oggi che r viene consegnata la bandiera e che noi oggi raccontiamo.

Elio Torlontano, rappresentante per l’Abruzzo, del Touring Club, prima di procedere alla consegna della bandiera, in forma ufficiale, si è soffermato a parlare della nascita del Club che risale all’anno 1894 e dell’interesse che il Touring Club ha riservato, negli anni, all’Abruzzo e nella nostra zona.

Nel 1909, a soli 15 anni dalla nascita del Club, il Console Italiano del Touring club, accoglie la richiesta per  una escursione automobilistica in Abruzzo che porterà alla scoperta del territorio che, sarebbe poi divenuto, Parco Nazionale d’Abruzzo (Agostinone).

Nell’Agosto del 1921, si tenne, il primo campeggio nella Val Fondillo di Opi, “la gemma verde e più preziosa  del P.N.A “, organizzato dalla Associazione Scautistica Cattolica Italina a cui parteciparono 600 giovani Scout, questo evento, tenutosi nella valle innanzi citata, dal 10 Agosto al 3 Settembre, fu visitato dall’allora Onorevole Erminio Sipari, che presto sarebbe divenuto il primo Presidente dal Parco.

Dopo il Campeggio sopradetto, altri ne seguirono e merita menzione speciale, ad essere ricordato, quello organizzato dall’Associazione Internazionale di studi Filosofici, Teologici e Religiosi, comprendente tutti i delegati di tutte le Nazioni Europee e perfino associazioni della lontana America.

Queste ed altre iniziative culminarono con la escursione Nazionale del Touring Club Nazionale, che attraversando l’Abruzzo nel Settembre del 1922, fece tappa nella Val Fondillo e per la prima volta furono usate le grandi tende da campo, capaci di ospitare, contenere 12 persone cadauna, e per la prima volta vennero visitati i centri di Opi e Pescasseroli, dove erano stati nominati Consoli Don Alessandro Ursitti ed Erminio Sipari.

Vennero poi individuati ed intensificati campeggi anche in altre zone: nelle vicinanze di Civitella Alfedena, Pescasseroli, Lecce, Gioia in provincia di L’Aquila e Campoli, Settefrati e Alvito in provincia di Frosinone.

Torniamo a parlare del Consolato o Console di Opi, che grazie alla ricerche per la inventariazione e catalogazione del beni della Parrocchia Santa Maria Assunta di Opi, è venuto fuori che il Touring Club Nazionale aveva nominato, in qualità di socio, Don Alessandro Ursitti ed è stato ritrovato anche il timbro tondo che riporta la scritta: “ TOURING CLUB ITALIANO-CONSOLATO DI OPI”.

Il lavoro dei Consoli era quello di attivarsi, con le proprie competenze e professionalità, nel proprio territorio, per valorizzare gli ideali e lo sviluppo dell’associazione e per promuovere il territorio, il tutto a titolo gratuito.

La giornata della consegna si è conclusa con il concerto di alcuni giovani musicisti, tra i quali un giovane di Opi, figlio di Secondino Cimini, che si sono esibiti, nella sala Polivalente, per l’occasione ricolma di gente, con vari brani di musica classica.




Lascia un commento