Grande successo di pubblico al Premio Internazionale d’Angiò



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Scurcola Marsicana –  L’evento del Premio Internazionale  d’Angiò è la punta di diamante degli incontri di cui può vantare la terra marsicana.  Una ricca platea quella di Piazza Risorgimento a Scurcola Marsica per applaudire i più grandi nomi dello scenario italiano della cultura, del giornalismo, dello spettacolo.

Il Premio  d’Angiò deve la sua costituzione al volere dell’arch. Lorenzo Fallocco, presidente del  “Centro Studi culturali Carlo I d’Angiò” con sede in Scurcola Marsicana.

La presentazione della cerimonia di premiazione è stata curata  da Luca di Nicola che ormai da ben undici edizioni fa gli onori di casa sul palcoscenico di Scurcola, ed egli stesso ha ricevuto il prestigioso riconoscimento del 2007.

Tra il pubblico, ben coordinato dal cerimoniale dell’organizzazione, importanti esponenti del settore imprenditoriale, politico e culturale della Marsica.

Un tributo di applausi alla saggezza del grande giornalista Sergio Zavoli che non ha fatto mancare punte di sottile humor. “Ci sono tante questioni che servono a tenere in vita un gossip politico veramente mostruoso. Io mi fido del mio paese, io mi fido della mia gente, io mi fido del nostro destino, so bene che ultimamente  la politica non si è fatta amare, ma non c’è mai  tanto bisogno di politica come quando è la stessa che sembra autorizzarci a voltare le spalle,  anche perché senza la politica rimane uno solo che comanda  e comanda a nome di tutti quelli che non abbiamo voluto. Tutti i partiti se ne vanno ma ne rimane uno. Quello che finisce per dover dirigere le cose per noi, e questo non possiamo accettarlo.  E’ un’esperienza che abbiamo già fatto e non ci ha portato fortuna. Una frase di Sant’Agostino  credo  si possa dire oggi  nei confronti di tutti i paesi ad incominciare dal nostro: “Da due pericoli dobbiamo ugualmente guardarci:  dalla disperazione senza scampo e dalla speranza senza fondamento.” Devo comunque confessare che con l’ abbraccio come quello che mi avete dedicato questa sera, l’orgoglio mi ringiovanisce di qualche giorno”. A consegnare il premio la senatrice Stefania Pezzopane che, con malcelata commozione, gli ha espresso tutta la sua personale ammirazione .

Non da meno, la simpatia di un personaggio come Fabrizio Frizzi che ha dimostrato che  proprio la sua sincera semplicità e grande umanità lo hanno fatto  diventare il personaggio così apprezzato dal pubblico  e di tanto successo. Lo stesso Sergio Zavoli ne ha esaltato le qualità   “Fabrizio non ha un nemico da abbattere. E’ una persona allegra e generosa e sa sorridere alla vita. “

Con i ricordi il “Lupo Marsicano” (così veniva soprannominato negli anni ‘58/59), il sen. Franco  Marini,  ha evidenziato quanto sia alto ed indissolubile il legame con la terra marsicana dove: “Ho mosso i primi passi e ho avuto il mio primo incarico come segretario della CISL della Marsica ed ho riscosso i primi successi di sindacalista. Il mio primo accordo vero serio l’ho fatto ad Avezzano, battaglia affrontata di petto con una allora forte CGIL,  facendo ottenere ad oltre 2000 lavoratori bracciantili, dipendenti dell’Ente Fucino che avevano  un rapporto di lavoro della durata di 15giorni, un contratto a tempo determinato.” Franco Marini  è stato Segretario Generale della CISL  e  Presidente del Senato.

Sul grande palcoscenico un parterre de roi  di artisti che hanno firmato, con la loro professionalità, la pagina culturale italiana.

La bellissima attrice  Vanessa Gravina, Andrea Pancani giornalista e conduttore di trasmissioni su la7 , Rodolfo Baldini attore e doppiatore ed autore RAI ed ancora il regista Gianluca Menta che sceglierà un’associazione a cui destinare parte degli incassi  ottenuti, in ogni città dove avverrà la proiezione del suo ultimo film “Meridione Monamour” , il compositore e talentuoso fisarmonicista Francesco Palazzo , il pittore e scultore, incisore e scenografo Roberto Di Jullo,  e Teodoro Valente  Presidente del Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali.

Ha ritirato il premio assegnato a Alessandro Vocalelli  giornalista e  direttore del Corriere dello Sport-Stadio, Valerio Gaviglia, Direttore area quotidiani del gruppo,  a consegnarlo il Rettore dell’Università Niccolò Cusano il prof. Fabio Fortuna  membro del Comitato d’Onore del Premio d’Angiò.

Applausi al riconoscimento artistico di Andrea Morricone, compositore, direttore d’orchestra ed autore, tra le tante opere, della colonna sonora del film “Cinema Paradiso” che, alla consegna del premio, ha ringraziato non solo il pubblico presente  ma soprattutto suo padre, il grande M° Ennio Morricone.

Tributo al bell’Antonio, il grande Antonio Cabrini , che ha entusiasmato tutti gli sportivi non solo gli juventini,  che gli hanno riconosciuto essere uno dei maggiori interpreti, al mondo, del calcio italiano.

Parentesi che si sarebbe voluta non finisse mai la performance artistica di Fabrizio Marturani in arte  Martufello, brillante attore comico,  che ha  conquistato il pubblico con le sue battute, ed ha regalato  momenti di grande dolcezza grazie all’eleganza nel suo saper porgere la poesia di Padre Faber: il valore del sorriso.  Simpatico intervento anche del bravo attore comico ed imitatore Gabriele Marconi.

Premiate dal Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio e dal consigliere regionale Lorenzo Berardinetti, per il progetto “Uomini e popoli tra cultura e storia”  le rappresentanze del mondo imprenditoriale: la signora Nathalie Dompè per il riconoscimento al Gruppo Dompé, eccellenza italiana nell’innovazione terapeutica e da oltre 70 anni al fianco della ricerca,  e la signora Catia Tosto per la   Walter Tosto SpA, azienda italiana leader nella produzione di componenti industriali a livello mondiale nei mercati Oil & Gas, Petrolchimico, Nucleare, Food and Pharma.

Commozione per il ricordo dell’arch.  Gianlorenzo Conti, recentemente scomparso, che volle  istituire il premio “ArchitettiAQ per Carlo d’Angiò” al fine di  promuovere e valorizzare i contributi progettuali degli  Iscritti all’Ordine degli Architetti della Provincia di L’Aquila. Hanno consegnato il  riconoscimento alla memoria dell’arch. Conti, al giovane figlio Andrea,  l’arch. Claudia Compagno in rappresentanza dell’Ordine aquilano  e l’arch. Luisa Mutti dell’Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia.

Il Presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Di Pangrazio ed il Sindaco di Scurcola Marsicana Maria Olimpia Morgante hanno consegnato all’arch. Lorenzo Fallocco  premio di riconoscimento per il grande impegno profuso per la valorizzazione culturale territoriale.

Si sono alternati sul palco per la consegna dei premi il Sindaco di Scurcola Marsicana Maria Olimpia Morgante, il vice sindaco Fabio Mammarella,  l’assessore Roberta Bartolucci,  il Presidente del “Centro Studi d’Angiò”arch. Lorenzo Fallocco  il Prof. Ilio Leonio ed il M° Carmine Di Marco, compositore e fisarmonicista.

Grande soddisfazione per la riuscita della serata di premiazione  è stata espressa dall’arch. Lorenzo Fallocco che da oltre 15 anni con tenacia ed entusiasmo professionale è impegnato nella organizzazione di una delle più importanti manifestazioni marsicane inserita nel calendario abruzzese, oltre al  caratteristico Corteo Storico Medievale “Contrade e Borghi” suggestiva rievocazione della battaglia fra Corradino di Svevia e Carlo d’Angiò.

L’undicesima edizione, come preventivato, è riuscita nel migliore dei modi, avendo avuto il riconoscimento da parte di  tutte le personalità presenti. Anche quest’anno oltre 700 persone hanno assistito alla premiazione. Posso ritenermi soddisfatto.” Dichiara il Presidente FalloccoAdesso  bisogna volgere l’interesse sulla realizzazione della XV edizione del corteo medioevale che si svolgerà a Scurcola Marsicana del mese di agosto. Per  la XII edizione del Premio Internazionale d’Angiò sono comunque in cantiere già alcune idee. E’ un susseguirsi di manifestazioni collegate l’una con l’altra . Il corteo storico medievale, va detto, è un tassello importante nel progetto “Memorie di una battaglia l’arte venuta dalla Francia.”

foto e video di Luca Nesticò

Presentazione ed intervento di Sergio Zavoli

Intervista Andrea Morricone

Intervista Fabrizio Frizzi

Intervista Roberto Di Jullo

Intervista Martufello

Intervista Franco Marini

Intervisya Antonio Cabrini

Intervista vanessa Gravina

Intervista Stefania Pezzopane




Lascia un commento