D’Eramo cala il tris ma non basta. Pineto 3 – 3 Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pineto – Altro derby importante per l’Avezzano Calcio impegnato a Pineto in un match tutt’altro che facile. La 19° giornata di Serie D mette di fronte alla formazione di Giampaolo la quarta forza del campionato, in una delle sfide più sentite per i marsicani.

Gara spettacolare che termina con ben sei reti in un avvolgente 3 a 3, con i biancoverdi che si fanno rimontare, rischiando anche di perdere, dopo essere andati sopra di due gol.

I lupi marsicani, orfani di Padovani infortunatosi nel riscaldamento, affidano le chiavi dell’ attacco a D’Eramo. Il giovane classe 99, molto probabilmente alla sua ultima apparizione con la casacca avezzanese destinazione Serie B, non delude e gioca da migliore in campo, per i suoi, realizzando una tripletta personale e portandosi il pallone a casa.

LA PARTITA

Primo tempo pieno di emozioni con ben cinque realizzazioni.
Al 4′ D’Eramo viene teso in area, l’arbitro decreta il calcio di rigore. Dal dischetto va proprio il numero 10 che spiazza il portiere portando in vantaggio gli ospiti. 0 a 1.
Poco dopo arriva subito il pareggio del Pineto, cross di Mazzei che arriva sulla testa di Tomassini, bravo a indirizzare verso la porta di Fanti e a fare 1 a 1.
Dopo circa 15 minuti di gara l’Avezzano trova di nuovo il sorpasso, ancora con D’Eramo che, dalla trequarti, entra in area indisturbato con la sfera tra i piedi e di precisione trafigge l’estremo difensore Shiba. 1 a 2.
Il Pineto soffre e si vede anche annullare un rete per fuorigioco.
Al 37′ ancora un fallo in area, il direttore di gara fischia e assegna la massima punizione in favore dei marsicani. D’Eramo si prende la responsabilità di calciare due penalty nella stessa partita e realizza una tripletta con un tiro fotocopia del precedente, 1 a 3 per gli avezzanesi.
Passano solo tre minuti e anche il Pineto guadagna un tiro dagli undici metri. Davanti a Fanti si presenta Tomassini che fa 2 a 3 mettendo a segno una doppietta.

La ripresa è un monologo dei padroni di casa, i biancoazzurri vanno a caccia del pari e lo sfiorano subito con Di Rocco che, sotto porta, è impreciso e calcia a lato.
Al 54′ Camplone  tira a botta sicura ma sulla linea arriva Puglielli a negargli la gioia del gol.
Al 61′ Tomassini prova a portare a tre il suo bottino personale, il suo sinistro, però, si spegne sul fondo.
Su un corner Ciarcelluti, di tacco, colpisce il palo. Padroni di casa vicinissimi al pareggio che arriva al 74′, rasoterra dalla destra, Fanti non ci arriva e Cruz, a porta sguarnita, non può sbagliare un tap-in facile facile. 3 a 3 meritato degli adriatici.
Il numero uno biancoverde si fa perdonare con due ottimi interventi che salvano il risultato, prima sul tiro di Fratangelo e poi sulla conclusione al volo ravvicinata di Cruz.
Assedio del Pineto che, cercando la vittoria, se la vede sfuggire per un soffio quando il cuoio si stampa di nuovo sul legno sugli sviluppi di una punizione.

Pareggio che fa perdere una posizione al Pineto. Situazione invariata invece per l’Avezzano ancora in zona play-out.

IL POST PARTITA

Giampaolo soddisfatto dei suoi: <<Bella partita molto combattuta. Peccato perché siamo stati ingenui a concedere il rigore del 3 a 2. Abbiamo combattuto con pochi ricambi e senza Padovani, Conti e Bisegna. In queste quattro partite abbiamo fatto sette punti che, sinceramente, sono tantissimi per la situazione che si era venuta a creare. Abbiamo agonismo, voglia e determinazione.>>