Atti vandalici nella notte contro il defibrillatore, scovato l’autore



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Trasacco – La brutta sorpresa che i cittadini di Trasacco hanno avuto nella mattinata di oggi – la teca del defibrillatore era stata distrutta nella notte – ha un autore e una storia. L’apparecchiatura, posta in piazza Matteotti, era stata installata due anni fa, nell’ambito di un progetto mirato a fare di Trasacco uno dei primi comuni cardioprotetti in Italia. La vicenda ha destato scalpore: recentemente sono stati diversi gli atti vandalici compiuti nella cittadina.

Le indagini, scattate immediatamente con l’esame delle riprese effettuate dalle videocamere di sicurezza presenti in zona, e condotte dagli agenti della Polizia locale, coordinate dalla comandante Titti Colangelo, hanno condotto all’individuazione del responsabile ed hanno permesso di ricostruire la vicenda.
A danneggiare la teca, un cittadino marocchino, K.B., 30 anni, senza fissa dimora, pluripregiudicato e sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma presso la locale stazione dei carabinieri. Le riprese video mostrano l’uomo avvicinarsi alla teca del defibrillatore e orinarvi contro. Nell’apparecchiatura è scattato il sistema di allarme e diverse persone sono accorse da un vicino locale. Lo straniero si è allontanato ma, evidentemente indispettito, è tornato indietro scagliandosi come una furia contro l’apparecchio e gridando – secondo le testimonianze – frasi di minaccia e di scherno all’indirizzo dei cittadini che cercavano di fermarlo. La tensione, come si evince dalle riprese video, si è fatta palpabile all’avvicinarsi di altri stranieri, alcuni in evidente stato di ebbrezza. Le persone che hanno tentato inutilmente di preservare l’apparecchiatura si sono allontanate ma, riconosciute dalle immagini video e rintracciate, hanno confermato e dettagliato la vicenda. Lo straniero è stato denunciato.

Foto di Antonio Oddi




Lascia un commento