“Alto rischio criminalità”, Casciere chiede al Ministro Salvini il potenziamento degli apparati di sicurezza della Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Si è svolta questa mattina presso il palazzo comunale una conferenza tenuta da Leonardo Casciere, assessore alla sicurezza della città di Avezzano nonché candidato della Lega alle prossime elezioni regionali. Oltre a Casciere erano presenti Luigi D’Eramo, deputato leghista, e Tiziano Genovesi, coordinatore marsicano del partito del Carroccio.

Durante la conferenza Casciere ha comunicato di aver scritto una lettera al Ministro dell’Interno Matteo Salvini per chiedere il potenziamento degli apparati di sicurezza per il territorio della Marsica.

Queste le parole che Casciere ha rivolto al Ministro Salvini:

Egregio Ministro, con la presente vengo a chiederLe formalmente il potenziamento degli apparati di sicurezza per il territorio della Marsica. territorio vasto e comprensivo di 37 comuni molti dei quali rientranti nella Piana del Fucino, una zona ad alta presenza di immigrati.

Lei conosce bene la nostra realtà, vista la sua particolare attenzione dimostrata nel corso degli anni, intervenendo addirittura per ripristinare la legalità nella città di Avezzano in occasione di un’occupazione abusiva.

Siamo, se così si può dire, un territorio ad alto rischio criminalità anche per via della nostra posizione geografica: possiamo infatti essere considerati come il crocevia del centro Italia, distando solo 100 km da Roma ed altrettanti da Napoli e Pescara.

Durante la stagione agricola il nostro territorio viene frequentato da moltissime aziende e soprattutto c’è un aumento dei flussi migratori (REGOLARI) con ingressi annuali pari a circa 8 mila unità di etnie diverse. A tutto ciò si aggiunge che la città più grande. nella quale rivesto il ruolo di assessore comunale con delega alla sicurezza, negli ultimi mesi ha visto una escalation di furti e rapine a danno di cittadini e commercianti, tanto da dover effettuare decine di daspo urbani.

Siamo ormai di fronte ad una situazione di difficoltà oggettiva, con i nostri operatori di Pubblica Sicurezza impegnati costantemente nella tutela della legalità con ottimi risultati: vorrei per questo chiedere a Lei, Signor Ministro la possibilità dell’apertura di un tavolo istituzionale per mezzo del nostro Onorevole Luigi D’Eramo per valutare un fattivo aumento degli operatori di Pubblica Sicurezza ed un potenziamento delle strutture di questo territorio per il bene della collettività e per la serenità dei nostri figli e nipoti.