A Villa San Sebastiano i 100 anni di Annito Pensa tra ricordi e barzellette



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo  – Annito Pensa, classe 1919, oggi 4 febbraio, ha compiuto 100 anni, oppure, come ha detto al sindaco Vincenzo Giovagnorio e alla presidente del Consiglio Anna Mastroddi giunti a Villa San Sebastiano per fargli gli auguri, “36.525 giorni e 18 ore”!

Alle 18.00 infatti, Annito ha spento le candeline attorniato dall’effetto della moglie Florinda e dei parenti.

In gioventù è stato podista e ha militato come calciatore nella squadra locale, suonava il flicornino in Mi bemolle e cantava le messe del Perosi nella corale parrocchiale, ma il 4 marzo 1939 dovette partire per la Guerra.

Ha lavorato 5 anni in Argentina come agricoltore e 3 in Germania come falegname, poi ha fatto il muratore e infine è stato magazziniere a Tivoli.

Grande senso dell’umorismo, ha deliziato i presenti con barzellette e storie d’altri tempi. Forse il segreto per arrivare a questo venerando traguardo è la serenità e l’allegria.