Silvio Berlusconi ad Avezzano: “Le mie competenze al servizio dell’Abruzzo”

Silvio Berlusconi ad Avezzano: “Le mie competenze al servizio dell’Abruzzo”

Avezzano – Silvio Berlusconi per la prima volta ad Avezzano a chiusura della campagna elettorale di Forza Italia in vista delle regionali del 10 febbraio. L’ex Presidente del Consiglio arriva al Castello Orsini alle 18.45, con un quarto d’ora di ritardo rispetto al previsto. Ad attenderlo una grande folla che lo acclama.

“Siamo qui  – esordisce – a concludere una campagna elettorale molto importante che deciderà le sorti di questa Regione per i prossimi 5 anni. A governarvi, stando ai sondaggi, non sarà la sinistra. L’Abruzzo sarà quindi governata o dal M5S o da noi. Se i Cinque Stelle vinceranno le elezioni sarà molto negativo, ce lo dimostra ciò che questi signori qui stanno facendo al Governo: è aumentata la disoccupazione, peggio di noi solo la Spagna e la Grecia, le borse hanno perso 200 miliardi, i nostri soldi in banca hanno perso potere d’acquisto, le infrastrutture sono ferme con conseguente perdita di posti di lavoro. Loro sono spinti in tutte le decisioni dall’invidia sociale, ma soprattutto non hanno cultura politica”.

Il leader di Forza Italia ha poi annunciato che metterà le sue competenze a servizio dell’Abruzzo: “Ho conosciuto Marsilio ed è una persona per bene. Oltre ad essere un buon candidato, è anche un buon governatore. Per i prossimi sei mesi, sarò con lui almeno una volta al mese. Successivamente, almeno una volta ogni due mesi”.

“Auguro a tutti voi – ha concluso Berlusconi – che il futuro della Regione, dell’Italia e dell’Europa, vi consenta di realizzare tutti i progetti che avete nella mente e nel cuore, per voi e per i vostri cari”.

Foto e Video servizio di Manuel Conti

Di Pangrazio chiude la campagna elettorale con un comizio online

Di Pangrazio chiude la campagna elettorale con un comizio online

Avezzano – Un comizio online per chiudere la campagna elettorale: così Giuseppe Di Pangrazio, candidato alle elezioni regionali, si congeda dagli elettori in vista della grande sfida di domenica 10 febbraio. L’ultimo sprint di una corsa, nei vicoli e nelle piazze dell’Abruzzo, per ascoltare le esigenze della gente. Un intervento di oltre 40 minuti, interrotto di tanto in tanto dalle domande dei giornalisti presenti, per parlare di ciò che a livello regionale è già stato fatto, ma anche di ciò che ancora si può e si deve fare. Un lavoro già iniziato e che, nella parole di Di Pangrazio, va portato a compimento.

“Si conclude una campagna elettorale lunga e faticosa, ma straordinaria. Sono tante le cose che abbiamo fatto alla guida della Regione Abruzzo, ma il percorso avviato per la rinascita di questo meraviglioso territorio non può interrompersi qui, c’è ancora molto da fare. Nei 5 anni di legislatura, abbiamo risparmiato 10 milioni di euro che abbiamo utilizzato per le associazioni, per il post sisma e per le aree interne. Nella provincia dell’Aquila abbiamo investito oltre 100 milioni di euro. Ingenti gli investimenti nella Marsica”.

“A prescindere da chi andrà a governare – ha continuato Di Pangrazio – bisogna fare un lavoro di squadra con investimenti cospicui per le aree interne affinchè i giovani possano restare.  Occorre mettere attorno ad un tavolo tutte le forze politiche della prossima consiliatura, senza contrapposizioni”.

E poi: “E’ importante creare le condizioni per qualificare questa Regione. Va potenziato l’aeroporto perché questo ci rende raggiungibili. Dobbiamo guardarci intorno e vedere cosa si sta muovendo intorno a noi come strategia europea. E’necessaria un‘alleanza con la regione Lazio. Siamo privilegiati, siamo terra di collegamento. Muoviamoci tutti insieme”.

Infine un ultimo appello al voto: “Votate Di Pangrazio, ma soprattutto votate Giovanni Legnini, un uomo che appartiene a tutti i territori”.

Foto e Video servizio di Manuel Conti

Rosa Pestilli in alcune case dell’Ater “condizioni impietose, impossibile rimandare manutenzione e messa in sicurezza”

Rosa Pestilli in alcune case dell’Ater “condizioni impietose, impossibile rimandare manutenzione e messa in sicurezza”

Avezzano – “In questi giorni ho avuto occasione di incontrare tante persone e quello che mi è rimasto dentro sono sicuramente le loro storie”, scrive così in una nota, Rosa Pestilli, candidata alle regionali con Azione Politica, “Su tutte quelle degli inquilini di alcune delle case Ater di Avezzano.

Gente di ogni età con vite difficili, che abita in strutture ai limiti della dignità umana. Infissi fatiscenti lasciano passare una pericolosa umidità che mette in serio rischio le condizioni di salute degli inquilini. Ogni giorno una signora a cui è stato affidato uno degli appartamenti raccoglie da terra l’acqua che scende dalle mura. Finestre che si chiudono con i più banali chiavistelli e che danno su balconi dai pavimenti rialzati. Basta alzare lo sguardo verso il soffitto per vedere gli effetti del dilagare della muffa, nei bagni come nelle camere.

E a nulla sono serviti gli interventi ripetuti degli inquilini, perché sistematicamente la grande umidità torna a fare danni. Più di tutto mi hanno colpito gli occhi di un settantenne con una situazione famigliare molto delicata, un uomo forte dallo sguardo buono che vive in una casa a nord di Avezzano e che mentre ci mostrava le sue finestre dai vetri senati ci chiedeva come si potesse intervenire per avere una manutenzione degna di una normale quotidianità.

Entrare in quelle case mi ha fatto capire che una delle priorità future è di certo un colloquio costante e assiduo con l’Ater per avviare a stretto giro interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche, al rifacimento degli impianti e alla messa in sicurezza degli immobili. In questo senso è fondamentale intercettare fondi per la ristrutturazione degli immobili attraverso un progetto ad hoc per rappresentare le voci sommerse di gente che ha perso la fiducia e si sente abbandonata e che ogni giorno si sveglia dentro case fatiscenti e degradate”.