“Vola in alto David, vola dove le brutture di questo mondo non ti toccheranno. Non scusarti, siamo noi a dover chiedere scusa a te”, l’ultimo saluto tra lacrime e dolore per David Rosini



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Ultimo saluto tra lacrime e dolore per David Rosini, il 29enne trovato senza vita nella sua casa di Montesilvano lo scorso 20 novembre. Questa mattina, nella chiesa di San Giovanni, si sono svolti i funerali. I tanti amici presenti hanno indossato delle T-Shirt bianche con le sue foto. Su alcune maglie c’era la scritta: “Wagliò mo ci pensete vu a Matilde?”, in riferimento alla piccola figlia di David.

Al termine della messa, la zia ha voluto rivolgergli un ultimo pensiero: “Oggi salutiamo un ragazzo dolce, solare, generoso e pieno di vita. Pur tra mille difficoltà aveva trovato la sua strada: il lavoro, una famiglia e una figlia che adorava. Ma il piccolo mondo che si era creato non era quello che si era immaginato e noi umani a volte siamo capaci di essere molto cattivi. Così si è ritrovato da solo e con il cuore spezzato.

Neanche l’amore della famiglia d’origine e dei suoi amici più cari è riuscito a lenire il suo grande dolore. Ha perso le sue certezze, non era quello che voleva. Si è arreso. Vola in alto David, vola dove le brutture di questo mondo non ti toccheranno. Non scusarti, siamo noi che dobbiamo chiedere scusa a te perché non abbiamo potuto né saputo fare di più. Ci lasci con un dolore immenso. Dacci la forza per andare avanti”.

La canzone di Eros Ramazzotti “Sta passando novembre” ha salutato il feretro all’uscita dalla chiesa.