Veronica Gaia e i luoghi della memoria: a Marano contro la depressione giovanile



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Magliano de’ Marsi – Nella cornice fiabesca di Marano dei Marsi, frazione di Magliano de’ Marsi, con il patrocinio del comune, domenica 25 luglio si è tenuta la Seconda estemporanea di pittura non competitiva ‘Veronica Gaia e i luoghi della memoria‘, promossa dall’associazione ‘Veronica Gaia Di Orio‘ (presieduta dal Senatore, professor Ferdinando Di Orio e dalla moglie, la signora Anna, dedicata alla figlia scomparsa prematuramente, dr.ssa Veronica Gaia), insieme con il Gruppo Artisti Marsarte.

Un incontro molto interessante, all’insegna di cultura e medicina, in seno al quale è stato presentato il libro: ‘Controstoria della Medicina‘, pubblicazione del professor Ferdinando Di Orio, grande personalità di caratura nazionale, soprattutto in campo medico, e uomo politico di spessore.

Nel pomeriggio, alla presenza del sindaco di Magliano de’ Marsi, Pasqualino Di Cristofano, di Francesco Subrani, curatore della collettiva, di Maurizio Lucci, presidente del Gruppo Artisti Marsarte, con la moderatrice, la giornalista Orietta Spera, è stata evidenziata la linea di comunicazione del testo, che ben argomenta sulla medicina tradizionale evidenziando i profili nascosti di ciò che i profani conoscono della medicina stessa; il Prof. Di Orio ha coinvolto i presenti incuriosendoli, in un avvincente, sorprendente discorso. Molte, a seguire, le domande del pubblico. La presentazione si è svolta prima della consegna, agli artisti, degli attestati di partecipazione alla collettiva. L’evento ha avuto luogo coniugando arte, natura incontaminata, medicina e riscoperta della vicinanza dell’altro, con l’intento di sensibilizzare istituzioni e comuni cittadini alla lotta contro la depressione giovanile (come nei dettami dell’associazione Veronica Gaia di Orio).

Veronica Gaia e i luoghi della memoria: a Marano contro la depressione giovanile