Trovati nuovi rifiuti nella discarica abusiva di Papacqua



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – il 27 giugno Fare Verde avevano svolto nella zona di Papacqua una giornata ecologica scoprendo una situazione molto drammatica. Nella zona è infatti presente una vera e propria discarica abusiva contenete una quantità inimmaginabile di rifiuti che sembrerebbe essere il risultato di sversamenti continuati nel corso di anni. A destare preoccupazione è anche il fatto che questi rifiuti invadono anche un canale in cui passa l’acqua della zona. Inoltre, i rifiuti presenti sono di ogni genere e comprendono anche batterie, secchi di vernice e farmaci.

Compresa la gravità della situazione, i volontari di Fare Verde avevano segnalato la discarica ai carabinieri forestali e avevano presentato un esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano.

Fare Verde aveva segnalato la discarica anche al Commissario Passerotti, chiedendogli che l’area venisse sottoposta a maggiori controlli e a videosorveglianza.

Sulla questione era intervenuto anche il Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle, Giorgio Fedele, il quale aveva chiesto anch’egli al Commissario Passerotti di attivare tutto quanto fosse necessario per una bonifica straordinaria integrale e di installare delle fototrappole. Fedele aveva chiesto al Commissario di fare ciò al più presto poiché, data la gravità della situazione, non c’era tempo di aspettare che subentrasse un nuovo Sindaco.

Ieri, 6 luglio, a distanza di qualche giorno da queste vicende, sono stati ritrovati sul posto della discarica nuovi rifiuti. Nelle foto scattate da un passante, infatti, si vedono chiaramente pezzi di mobilio, cinghie, tubi e altri rifiuti che una decina di giorni fa non erano presenti.

Dal ritrovamento, dunque, sembrerebbe che il fenomeno dell’abbandono di rifiuti nella zona si verifichi continuativamente  e ciò renderebbe ancora più importante l’installazione di fototrappole al più presto.

Il ritrovamento di nuovi rifiuti ha subito scatenato una reazione da parte di Fare Verde, la quale, ieri, ha scritto sulla propria pagina Facebook che la situazione è alquanto vergognosa. Nel post Fare Verde ha aggiunto: “I rifiuti vanno rimossi con urgenza e la zona deve essere videosorvegliata!”

La situazione continua a destare preoccupazione. Papacqua è un prezioso scrigno che raccoglie la biodiversità una volta abbondante in tutto il Fucino ma oggi localizzata solo in determinate aree. Nel 2017 era stato trovato nella zona una specie di interesse conservazionistico, il tritone crestato italiano, e, perciò, si parlava di tutela e valorizzazione della zona. Sembrerebbe, però, che di tutela ce ne sia stata ben poca.