Tre punti d’oro per l’Avezzano. Vittoria nello scontro salvezza casalingo contro l’Isernia



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Si riaccende un barlume nel buio in casa Avezzano, al Dei Marsi torna la vittoria , che mancava da tre partite, nella 34° giornata del campionato di Serie D alla fine del delicato scontro diretto contro l’Isernia. I biancoverdi, con il successo di misura sui molisani, riagganciano il treno delle squadre ferme a 33 punti, in piena zona play-out.

La pratica salvezza verrà archiviata, nel bene e nel male, negli ultimi quattro turni, Colavitto ed i suoi sono chiamati allo sprint finale per compiere un miracolo, calcisticamente parlando, visto che la salvezza diretta è distante quattro lunghezze.

Partita equilibrata, non eccelsa sul piano tecnico, ma combattuta e sentita anche perché i punti in palio sono fondamentali per le sorti di entrambe le società. Bruni, grazie alla sua terza rete con il club marsicano, mette in discesa la gara già dal settimo minuto, e gli avezzanesi sono bravi a tenere botta alle incursioni ospiti, cercando di giocare di rimessa per chiudere il match.

LA PARTITA

Dopo soli sette minuti, un lancio dalle retrovie di Di Nicola mette in crisi la coppia centrale dell’Isernia che non riesca a spazzare, la sfera arriva sul destro di Bruni che silura il giovane Del Giudice e porta in vantaggio i suoi.
Passano solo due minuti e l’Isernia prova la reazione, Lenoci prova dalla distanza costringendo Fanti ad un intervento non facile.
Al 23′ punizione per i locali affidata a Grazioso che fa partire un traversone con destinazione Padovani, l’attaccante di testa non è preciso e manda in out.
Al 30′ è ancora la squadra molisana a rendersi pericolosa, questa volta con Maresca che calcia dal limite ma trova ancora un attento e reattivo Fanti a negare il pari.

Parte forte la formazione padrone di casa nella ripresa, al 57′ contropiede biancoverde che termina col filtrante di Padovani per Bruni, il numero nove vede smaterializzarsi la doppietta sui guantoni dell’estremo difensore biancoceleste.
Minuto 65, Petitti trova in area Romano e sulla conclusione è ancora uno splendido Fanti a salvare il risultato.
Dopo centoventi secondi incredibile occasione per i locali, De Roccis in ripartenza per vie centrali apre dove c’è Grazioso, il numero 8 calcia in curva un pallone facile a tu per tu col portiere.
Cresce l’Isernia che vuole strappare almeno un punto nella tana dei lupi, ma l’imprecisione dei suoi attaccanti non premia le belle trame offensive.
Con gli schemi che saltano l’Avezzano, nel recupero, trova praterie per le ripartenze, la più significativa quella sprecata da Fulvi che dà solo l’illusione del gol, colpendo l’esterno della rete.
Non termina il match e un minuto dopo è Bruni ad entrare nei 16 metri, ma è ancora Del Giudice a negargli la seconda marcatura.
Finisce cosi, 1 a 0 per i biancoverdi che ora devono dimostrare carattere e trovare quella continuità che è sempre mancata durante questa sfortunata stagione.