Torna da un funerale e viene seguita e rapinata, i due malviventi ripresi dalle telecamere del Comune



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Morino. Dalle riprese delle telecamere di videosorveglianza installate all’uscita della ex Superstrada del Liri si vedono chiaramente i loro movimenti, a bordo di uno scooter. Hanno seguito un’auto guidata da una donna che trasportava sua madre. Le due tornavano da un funerale che si era svolto ad Avezzano. Da sopra lo scooter, in due, hanno atteso che le donne scendessero dall’auto. Poi sono entrati in azione, avvicinandosi alla più adulta rapinandola.

Un pomeriggio di paura, ieri, a Morino.

La svolta nelle indagini è arrivata dalle immagini registrate dalla videosorveglianza fortemente voluta dal Comune e dalla polizia locale di Civita d’Antino, allo svincolo Morino-Civita.

Poco distante, i due, sopra allo scooter, sono stati visti anche dal comandante della polizia locale, il maresciallo Maria Grazia Alfano, impegnata nel servizio di autovelox. L’apparecchio però non li ha fotografati, in quanto non hanno superato la velocità consentita.

Le due donne stavano tornando da un funerale che si era svolto poco prima ad Avezzano. Mai avrebbero pensato che i due balordi, a bordo di un scooter, le stessero seguendo, fino ad attendere che si fermassero con l’auto. L’arrivo c’è stato alla frazione di Morino, Grancia. La figlia della donna rapinata si è fermata e dopo aver salutato la madre, poco più che cinquantenne, si è allontanata. A quel punto sono entrati in azione i due malviventi.

La donna è stata chiaramente colta di sorpresa. È stata rapinata della collana che aveva addosso ed è rimasta molto provata dall’accaduto.

È stato richiesto l’intervento dei carabinieri che si sono subito attivati per dare un volto ai due malviventi. La telecamera che ha inquadrato lo scooter si è rivelata la svolta delle indagini. Ha immortalato chiaramente la targa, avvantaggiando il lavoro dei carabinieri.

I due sono stati rintracciati e denunciati dai militari dell’Arma.

 

 




Lascia un commento