Tagliacozzo, venerdì 2 dicembre convegno su “Le Ragioni del No”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Scendono in campo i due comitati di centrodestra il “Comitato NoGrazie” di Fratelli d’Italia e il “Comitato per il No” di Forza Italia.

“Abbiamo un impegno nei confronti degli italiani: fare chiarezza. La colossale truffa del Governo Renzi con la proposta di modifica della costituzione è un attentato a scapito della nostra patria. Gli italiani devono sapere i rischi di questa manovra e devono tutelare il principio inviolabile di libertà.”

Saremo presenti con due iniziative:

Giovedi’ 1 Dicembre saremo presenti in Piazza Duca degli Abruzzi (zona giardinetti) con un banchetto informativo dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 18.00 alle 20.00.

Venerdi’ 2 Dicembre alle 17 in Piazza Obelisco 52  (ex Casabella) a Tagliacozzo si terrà un convegno dal titolo “Le ragioni del NO” per Fratelli d’Italia saranno ospiti l’Avv. Giandonato Morra, già Assessore ai trasporti della Regione Abruzzo e attuale coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Francesco Di Giuseppe Dirigente nazionale del movimento giovanile Gioventù Nazionale di Giorgia Meloni. Per Forza Italia ci sarà l’Onorevole Fabrizio Di Stefano, deputato di Forza Italia e l’avezzanese Emilio Iampieri, Consigliere Regionale di Forza Italia. Introdurrà l’incontro il Presidente di “Coerenza e Coesione”  già Sindaco di Tagliacozzo Maurizio Di Marco Testa, la moderatrice invece sarà la giovane Benedetta Fasciani Coordinatrice provinciale di Gioventù Nazionale.

Nella storia repubblicana italiana il paese non si è mai trovato così separato su una questione di interesse nazionale, paradossale se questa poi riguarda la carta fondativa dello Stato.  Una Riforma Costituzionale che dovrebbe essere sviluppata in maniera collegiale perché riguarda TUTTI i cittadini, non sono una parte, come invece sta facendo Matteo Renzi, ha diviso il paese. Questo è solo un “piccolo peccato” della riforma. Il guaio grande è che la Renzi-Boschi, oltre ad creare un grande pasticcio legislativo e funzionale,  difende gli interessi delle banche e dell’alta finanza, questa riforma è voluta da JP Morgan (la grande banca d’affari americana come dimostra in un rapporto del 2013), sostenuta anche da Bankitalia e Junker (protagonista dello scandalo finanziario del Lussemburgo) . Ci troviamo davanti:  chi difende gli interessi dei poteri finanziari (il Si) e chi invece si schiera con il popolo e per il popolo (il No)

È importante andare a votare il prossimo 4 dicembre, è importante farlo in maniera consapevole. È importante anche sapere a cosa, la nostra amata regione Abruzzo, andrà incontro con questa riforma.

Noi, con i nostri comitati del NO siamo convinti e determinati a mostrare le nostre ragioni basate sui contenuti non come fa Renzi e il PD che lancia continuamente spot elettorali belli da sentire ma vuoti da ascoltare.




Lascia un commento