Acque pubbliche, Di Nicola: revoca concessioni per irregolarità fiscali e previdenziali



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Regione. “Ho depositato questa mattina un’iniziativa legislativa con la quale si ampliano i motivi di mancata concessione, ovvero di decadenza del permesso o della concessione, per la ricerca, la coltivazione e l’utilizzazione di acque minerali, termali e di sorgente esistenti sul territorio regionale”.

Sono queste le parole del consigliere regionale Maurizio Di Nicola, che continua: “A tal fine, si introducono tra le cause di diniego o revoca di detti titoli autorizzativi l’irregolarità contributiva e le gravi violazioni in materia fiscale e previdenziale, in conformità a quanto previsto dal nuovo Codice degli appalti. La proposta, dunque, è finalizzata a migliorare il processo di gestione delle concessioni, mediante l’introduzione di strumenti di maggior garanzia per la Pubblica Amministrazione che, ad esempio, si vede non corrispondere tasse o imposte dal soggetto a cui la Regione concede lo sfruttamento della risorsa idrica, ma soprattutto a tutela di un bene comune della collettività quale è l’acqua”.

” Una misura equa che migliorerà i rapporti trilaterali tra la Pubblica Amministrazione che affida il servizio, il soggetto gestore e l’Ente impositore” conclude Maurizio Di Nicola che con la proposta di legge va a tutelare il Comune di Canistro nella “diatriba” con la società per azioni Sorgente Santa Croce.




Lascia un commento