Home Attualità Sport e territorio, ieri il convegno a Pescina

Sport e territorio, ieri il convegno a Pescina

A+A-
Reset

Avezzano – Si è tenuto ieri sera, presso il Teatro di Pescina, il Convegno «Facciamo squadra insieme. Sport e territorio», in collaborazione con parrocchie, Comuni e associazioni sportive della Marsica est. L’evento è stato promosso dalla Pastorale dello sport della diocesi, guidata da padre Riziero Cerchi, ed in collaborazione con i Comuni di Pescina, Ortucchio, Gioia, San Benedetto dei Marsi, Lecce nei Marsi, Collarmele e con le associazioni sportive del territorio della Marsica est.


Dopo i saluti istituzionali, la relazione sull’importanza delle attività sportive nelle aree interne del territorio, che è stata curata dal professore Pierluigi Magistri, geografo e coordinatore del Corso di Laurea in scienze del turismo presso l’Università di Roma Tor Vergata. A seguire l’intervento del vescovo Giovanni Massaro che ha raccontato agli sportivi presenti, la sua passione per lo sport, i suoi trascorsi giovanili come calciatore e giornalista radiofonico delle partite del Bari quando era in Serie A. Ha proseguito dicendo che «la Chiesa si interessa di sport perché le sta a cuore l’umanità. Gesù è venuto in questo mondo non per insegnare una dottrina ma per prendersi cura di ogni uomo. Ecco perché il Papa ha affermato, nell’incontro con i dirigenti e gli atleti del Coni, che lo sport è di casa nella Chiesa. Compito dello sport però non è quello di sfornare campioni ma accompagnare gli uomini nella loro crescita.

Lo sport è per l’uomo e non l’uomo per lo sport. Uno sport finalizzato solo a sfornare campioni è pericoloso perché impoverisce l’uomo. L’esperienza sportiva per la Chiesa è luogo fondamentale di crescita e di formazione delle nuove generazioni. Lo sport è una strada educativa. E quali sono i valori che lo sport veicola? – ha continuato il presule – In primo luogo aiuta a prendere consapevolezza delle proprie potenzialità, le capacità, i doni che Dio ha posto nel cuore di ciascuno di noi. Tutti siamo preziosi agli occhi di Dio.

Poi lo sport aiuta a conoscerci, ad ammettere i nostri limiti. Nello sport non esistono solo vittorie ma anche le sconfitte, che devono essere opportunità per crescere e mai per abbattersi. Sinner, il tennista del momento, ama ripetere infatti “se vinco esulto, se perdo imparo”. Lo sport aiuta a capire che il successo si raggiunge con la fatica e i sacrifici. Infine lo sport educa, aiuta a fare squadra, a giocare l’uno per l’altro, ad esultare per un goal fatto da un compagno di squadra, a gioire nel vedere che i tifosi sono contenti. Lo sport aiuta ad amare, a socializzare, perché amare è volere la felicità altrui. Io vi auguro – ha concluso il presule – che lo sport vi aiuti a crescere nell’amore verso gli altri, a capire che si è felici solo se si rende felice chi ci vive accanto».

necrologi marsica

Evelina Ciaccia

Casa Funeraria Rossi

Casa Funeraria Rossi

Ultim'ora

necrologi marsicavedi

Casa Funeraria Rossi

Casa Funeraria Rossi

Casa Funeraria Rossi

Casa Funeraria Longo - servizi funebri