Sospeso fino all’8 settembre il calendario venatorio in Abruzzo, accolto il ricorso delle associazioni ambientaliste



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – Solo pochi giorni fa, avevamo dato spazio a un comunicato del WWF Abruzzo, sottoscritto anche da altre associazioni ambientaliste, attraverso il quale si chiedeva di sospendere la caccia soprattutto a seguito dei numerosi e drammatici incendi che hanno colpito, in queste ultime settimane, diverse aree del territorio regionale.

Il ricorso di WWF, ENPA, LIPU, LAV e LNDC è stato accolto e, dopo tale decisione, è stato stabilito che il calendario venatorio abruzzese sarà sospeso fino all’8 settembre. Non ci saranno pre-aperture, come era stato stabilito qualche tempo fa proprio dalla Giunta Regionale.

Le associazioni ambientaliste avevano chiesto il blocco dell’apertura della caccia per la stagione 2021/22, un provvedimento che considerano “doveroso, ragionevole e responsabile”, previsto dall’art. 19 della L. 157/92 che disciplina l’attività venatoria in Italia. Si chiedeva, quindi, ai responsabili regionali di applicare interventi immediati a tutela della fauna selvatica in un territorio colpito gravemente dagli incendi, con particolare riferimento all’attività venatoria.